Pagine

domenica 20 novembre 2011

ITALIA: DECRETI CHE DISCRIMINANO I ROM SONO STATI GIUDICATI ILLEGITTIMI

Amnesty International ha chiesto alle autorita’ italiane di porre fine alle misure discriminatorie contro le persone rom dopo che il piu’ alto organo giurisdizionale amministrativo del paese ha dichiarato illegittimi i decreti relativi all’’emergenza nomadi’.

Il Consiglio di stato ha decretato la fine dell’  emergenza nomadi’, che ha esposto le comunita’ rom a gravi violazioni dei diritti umani da quando e’ stata introdotta tre anni fa.
‘Porre fine all‘emergenza nomadi’ e’ un passo nella giusta direzione, questa era illegittima e non sarebbe dovuta mai essere stata dichiarata’ – ha affermato Nicola Duckworth, direttrice del Programma Europa e Asia centrale di Amnesty International: ‘Il governo italiano ha ora la responsabilita’ di fornire rimedi effettivi a tutte le famiglie rom che hanno subito sgomberi forzati e altre gravi violazioni dei diritti umani durante  ‘l’emergenza nomadi’’.


Nel maggio 2008, il governo italiano dichiaro’ uno stato di emergenza in relazione agli insediamenti di comunita’ nomadi nelle
regioni di Lombardia, Campania e Lazio.


Questo per affrontare, presumibilmente, ‘una situazione di grave allarme sociale, con possibili ripercussioni per la popolazione locale
in termini di ordine pubblico e sicurezza’.
L’emergenza e’ stata successivamente estesa alle regioni di Piemonte e Veneto.


Sulla base dell’’emergenza nomadi’, ai prefetti dei capoluoghi delle regioni interessate e’ stato conferito il potere di agire in deroga alla legislazione che protegge i diritti umani e gli sgomberi forzati delle comunita’ rom sono stati molto frequenti ed eseguiti con sempre maggiore impunita’.
‘L’ 'emergenza nomadi' ha esposto migliaia di rom a violazioni dei diritti umani e ha aggravato la discriminazione nei loro
confronti’ – ha aggiunto Duckworth.
‘Il nuovo governo italiano deve porre fine a politiche e pratiche discriminatorie che colpiscono persone rom da anni. Questa di sicuro non e’ la fine della storia, ma puo’ essere un nuovo inizio’.






FINE DEL COMUNICATO
Roma, 18 novembre 2011
--
Ti RICORDIAMO che puoi AGGIORNARE in ogni momento le tue preferenze limitando o aumentando il numero di segnalazioni che ricevi da FabioNews:
clicca su http://www.fabionews.info/lists/?p=preferences
inserisci la mail con la quale sei iscritto e accedi alla tua pagina personale!
Per cancellarti dal servizio
http://www.fabionews.info/lists/?p=unsubscribe&uid=9a66614a88778964c8910cce51c79483
Se vuoi proporre a qualcuno di iscriversi a FabioNews, invitalo ad andare su www.fabionews.info
Posta un commento