Pagine

martedì 29 marzo 2011

MINIMO UN PROGRAMMA COSTRUTTIVO CONTRO LA GUERRA E IL RAZZISMO (UNA PROPOSTA ALL'INDOMANI DI UN DIGIUNO)

1. Uscire dall'invisibilità
La stragrande maggioranza del popolo italiano é contraria agli omicidi.
La stragrande maggioranza del popolo italiano é contraria alla guerra.
La stragrande maggioranza del popolo italiano é contraria al razzismo.
Avremo mille difetti, ma di queste tre cose possiamo essere certi.
Ed allora dobbiamo rendere visibile questa nostra volontà di opporci alle uccisioni, alle guerre, alle persecuzioni.
Un modo é esporre ancora una volta la bandiere della pace e della nonviolenza ai balconi e alle finestre.
Un modo é unirci al digiuno collettivo contro la guerra e contro il nucleare promosso dal Movimento Nonviolento.
Un modo é scrivere a tutte le istituzioni democratiche chiedendo loro di prendere posizione contro la guerra e le persecuzioni, per i diritti umani di tutti gli esseri umani, per la legalità e la democrazia, per l'umanità che é una.
Un modo é organizzare pubbliche manifestazioni contro le stragi e le persecuzioni, per la pace che salva le vite, per la solidarietà che ogni essere umano riconosca e raggiunga.
Un modo é contribuire a far pervenire aiuti umanitari ai popoli e alle persone nel piu' grave bisogno.
Un modo é promuovere ed organizzare accoglienza ed assistenza ai profughi ed ai migranti.
Un modo é impegnarsi per ottenere dalle istituzioni italiane il rigoroso rispetto delle leggi italiane: e la legge fondamentale dello stato italiano, la Costituzione della Repubblica Italiana, all'articolo 10 fa obbligo di accogliere ed assistere i migranti in fuga da fame, guerre e dittature; ed all'articolo 11 fa obbligo di ripudiare la guerra.
*
2. Uscire dalla passività
I poteri che uccidono si fanno forti della passività altrui.
Se l'umanità unita si levasse contro i dittatori e le guerre, contro le mafie e i fascismi, contro i razzismi e le discriminazioni, contro lo sfruttamento che provoca la miseria e la fame e la morte, contro le devastazioni dell'ambiente che provocano disastri, ebbene, se l'umanità unita si sollevasse allora la civiltà umana prevarrebbe.
Comincia tu ad uscire dalla passività.
*
3. Uscire dall'ambiguità
Occorre decidersi a dire la verità che é a tutti evidente: ogni guerra consiste di uccisioni. Le violenze sui migranti sono crimini contro l'umanità. L'omissione di soccorso a chi é in pericolo di vita é un crimine.
Se la guerra é un crimine contro l'umanità, consistendo essa dell'uccisione massiva di esseri umani, allora occorre agire contro la guerra. Qui in Italia questo oggi significa in primo luogo opporsi alle guerre cui lo stato italiano illegalmente partecipa: in Afghanistan, in Libia.
Se il razzismo é un crimine contro l'umanità, consistendo esso della persecuzione e finanche dell'uccisione di esseri umani, allora occorre agire contro il razzismo. Qui in Italia questo oggi significa in primo luogo accogliere ed aiutare tutti gli esseri umani che in fuga da fame, guerre e dittature giungono nel nostro paese.
Chi salva una vita umana salva l'umanità.
*
4. Uscire dalla subalternità
Ci viene detto di delegare altri - pretesamente piu' importanti e piu' esperti di noi - alla "grande politica", alle relazioni internazionali, alla gestione delle questioni che l'intera umanità riguardano.
Ma cio' che riguarda l'intera umanità riguarda ogni essere umano.
Ed ogni crisi, ed ogni conflitto, per quanto gravi siano, possono essere affrontati senza commettere ulteriore violenza, contrastando la violenza, riducendo così la violenza fino ad estinguerla. Questa forma di intervento é la nonviolenza.
E la nonviolenza ha un fondamento a cui ogni essere umano in cuor suo sente di poter aderire: il suo fulcro é il principio del "non uccidere e non consentire che altri uccidano"; il suo fulcro é il principio dell'"agisci nei confronti degli altri esseri umani così come vorresti che gli altri esseri umani agissero nei tuoi confronti"; il suo fulcro é la forza dell'amore: per l'umanità, per la vita, per il mondo.
*
5. Affrontare la macchina bellica con la forza della nonviolenza
La violenza non é così forte come appare: senza il consenso di chi si rassegna nessuna macchina di dominazione, oppressione e distruzione é invincibile.
Nega il tuo consenso alla violenza, e già la violenza é meno totale, già é meno forte, già é indebolita.
Scegli di contrastare la violenza con una forza ancora piu' grande: la forza della verità, la forza dell'amore per l'umanità intera, la forza della nonviolenza.
Discutiamo, organizziamo e realizziamo azioni dirette nonviolente per fermare la macchina bellica, impedendo ad essa di agire.
Nel 1999 per alcune ore in poche persone con una limpida azione nonviolenta, senza mettere in pericolo la vita di nessuno, bloccammo i decolli dei bombardieri che recavano strage nei Balcani: con una partecipazione popolare ampia e consapevole, con il coraggio della nonviolenza, potremmo oggi fermare pressoché qualunque atto di guerra.
*
6. Affrontare il regime razzista con la forza della nonviolenza
Il razzismo si basa su pregiudizi e paure che non é difficile smascherare, contrastare e guarire.
Nega il tuo consenso al razzismo, e già il razzismo si confonde, si vergogna, si affloscia.
Scegli di contrastare il razzismo con la forza piu' grande: la forza della verità, la forza dell'amore per l'umanità intera, la forza della nonviolenza.
Discutiamo, organizziamo e realizziamo azioni dirette nonviolente per contrastare il razzismo, inveriamo col nostro concreto agire i diritti umani di tutti gli esseri umani.
*
7. Un programma costruttivo minimo ed essenziale
Ripetiamolo una volta ancora: le persone, le associazioni e le istituzioni fedeli all'umanità, impegnate quindi contro le uccisioni, contro la guerra e contro il razzismo, potrebbero nella situazione presente:
- far cessare la partecipazione italiana alla guerra in Afghanistan e in Libia;
- far cessare la persecuzione razzista dei migranti;
- promuovere ed organizzare l'accoglienza e l'assistenza di tutti i profughi e i migranti;
- promuovere ed organizzare l'invio di Corpi civili di pace nelle aree di crisi per realizzare un'interposizione nonviolenta tra le parti in conflitto;
- promuovere ed organizzare l'invio di aiuti umanitari alle popolazioni nel bisogno, da gestire direttamente con le comunità locali in forme democratiche e condivise (altrimenti anche gli aiuti umanitari divengono strumenti di guerra);
- promuovere ed organizzare il sostegno ai movimenti nonviolenti e alle associazioni di difesa dei diritti umani nelle aree di crisi e di conflitto, sostenendo in particolare i movimenti e le associazioni di donne o guidati da donne;
- promuovere ed organizzare iniziative per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, e per il disarmo e contro il militarismo tout court;
- promuovere la nonviolenza ed organizzare la formazione alla nonviolenza;
- preparare e realizzare azioni dirette nonviolente con cui effettualmente contrastare le macchine della morte.

Peppe Sini, responsabile del Centro di ricerca per la pace di Viterbo,
all'indomani di un digiuno contro la guerra

Viterbo, 29 marzo 2011

Mittente: "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo
strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo
tel. 0761353532
e-mail: nbawac@tin.it
web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/

* * *

Notizia

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace" di Viterbo, già consigliere comunale e provinciale, é stato dagli anni '70 uno dei principali animatori del movimento che si oppone alle servitu' energetiche e militari nell'Alto Lazio; nel 1979 ha fondato il "Comitato democratico contro l'emarginazione" che ha condotto rilevanti campagne di solidarietà; ha promosso e presieduto il primo convegno nazionale di studi sulla figura e l'opera di Primo Levi; nel 1987 ha coordinato per l'Italia la campagna di solidarietà con Nelson Mandela allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano; nel 1999 ha ideato, promosso e realizzato l'esperienza delle "mongolfiere della pace" con cui ostacolare i decolli dei bombardieri che dalla base di Aviano recavano strage in Jugoslavia; nel 2001 é stato l'animatore dell'iniziativa che - dopo la tragedia di Genova - ha portato alla presentazione in parlamento di una proposta di legge per la formazione delle forze dell'ordine alla nonviolenza; é stato dagli anni '80 il principale animatore dell'attività di denuncia e opposizione alla penetrazione dei poteri criminali nell'Alto Lazio - e negli anni '90 ha presieduto la Commissione d'inchiesta ad hoc istituita dal Consiglio Provinciale di Viterbo -; dal 2000 é direttore del notiziario telematico quotidiano "La nonviolenza é in cammino", che ogni giorno diffonde materiali di studio e di riflessione e sostiene e promuove iniziative nonviolente per la pace, l'ambiente, i diritti umani di tutti gli esseri umani.

* * *
_______________________________________________
Nonviolenti mailing list
Nonviolenti@lists.nonviolenti.org
http://lists.nonviolenti.org/cgi-bin/mailman/listinfo/nonviolenti
Posta un commento