Pagine

giovedì 31 marzo 2011

A FAVORE DI IMAN al-OBEIDI

Cari amici,

Lo scorso sabato Iman al-Obeidi ha fatto irruzione in un hotel di Tripoli dicendo ai giornalisti stranieri che era stata stuprata da 15 uomini di Gheddafi. E' stata portata via dai teppisti del regime, e da allora nessuno l'ha più vista. Lanciamo un appello enorme rivolto alla Turchia, che ha aiutato a liberare altri ostaggi libici, per aiutare a salvare Iman. Firma ora e inoltra questa e-mail a tutti:



Lo scorso sabato una giovane donna avvocato di nome Iman al-Obeidi ha fatto irruzione in un hotel di Tripoli e ha pregato i giornalisti stranieri di aiutarla, mostrando le sue ferite e denunciando che era stata violentata da 15 uomini di Gheddafi. Ha continuato a urlare mentre alcuni agenti di Gheddafi la portavano via, e da allora nessuno l'ha più vista.

Le parole non possono rendere conto del coraggio che Iman ha dimostrato nel denunciare pubblicamente l'episodio, e possiamo solo immaginare il terrore che sta vivendo ora fra le mani degli infami teppisti di Gheddafi. La sua vita è in pericolo, ma noi possiamo aiutarla solo se ci mobilitiamo immediatamente.

Gheddafi è indifferente all'indignazione della maggior parte della comunità internazionale, ma ha ascoltato il governo turco che gli aveva chiesto di liberare i giornalisti stranieri. Lanciamo urgentemente un grido globale al Primo ministro Erdoğan per aiutare Iman: firma sotto e inoltra questa e-mail a tutti. La petizione sarà consegnata al consolato turco di Bengasi, e attraverso gli annunci sui giornali in Turchia, non appena raggiungeremo le 500.000 firme:

http://www.avaaz.org/it/free_iman_al_obeidi/?vl

Iman ha detto di essere stata fermata a un posto di blocco di Tripoli e tenuta in stato di fermo per due giorni, durante i quali ha subito ripetute violenze sessuali e percosse da 15 agenti della sicurezza prima di riuscire a scappare. Ha detto che altre donne sono ancora nelle mani di questi teppisti del regime.

Gli uomini che hanno rapito Iman probabilmente hanno pensato che lei non avrebbe mai avuto il coraggio di denunciare pubblicamente l'apparato del terrore di Gheddafi, e subire la vergogna di ammettere pubblicamente di essere stata stuprata in una società conservatrice dove troppo spesso sono le donne a essere incolpate per crimini del genere. Invece lei ha osato rompere il silenzio che circonda tante vittime della brutalità di Gheddafi e della violenza sessuale ovunque.

Il regime l'ha additata come prostituta e ha detto che la denuncerà per calunnia contro le forze governative. Ma i libici hanno manifestato in sostegno a Iman, e l'influenza turca su Gheddafi potrebbe essere sufficiente per liberarla. Mettiamoci dalla parte di Iman al-Obeidi, che ha osato opporsi contro i suoi persecutori nel chiedere a gran voce verità e giustizia. Firma sotto per chiedere al Primo ministro della Turchia di agire, e inoltra questa e-mail a tutti:

http://www.avaaz.org/it/free_iman_al_obeidi/?vl

Proprio in questo momento una coraggiosa giovane donna ha rischiato tutto per i valori che tutti noi condividiamo, e ne sta subendo le terribili conseguenze. Facciamo di tutto per salvarla.

Con speranza e determinazione,

Stephanie, Pascal, Alice, Ricken, Rewan, Mohammad e il resto del team di Avaaz

Fonti:

Donna libica: stuprata da soldati di Gheddafi. Il video della sua denuncia, L'Unità
http://video.unita.it/media/Donna_libica_stuprata_da_soldati_Gheddafi_2541.html

Bengasi, corteo per donna stuprata dal regime di Gheddafi, TMNews
http://dailymotion.virgilio.it/video/xhvi40_bengasi-corteo-per-donna-stuprata-da-uomini-gheddafi-videodoc_news

La Turchia aiuta a liberare il giornalista del Guardian, Guardian (in inglese)
http://www.guardian.co.uk/world/2011/mar/17/turkey-helps-free-guardian-journalist-libya

La Turchia salva i giornalisti del New York Times in Libia, Todays Zaman (in inglese)
http://www.todayszaman.com/newsDetail_getNewsById.action?newsId=238855

La donna libica che ha denunciato di essere stata violentata è ancora dispersa, Al Jazeera (in inglese)
http://english.aljazeera.net/video/africa/2011/03/201132963515140400.html

Il governo libico ha offerto denaro per riappacificarsi con Iman al-Obaidi, la donna che ha denunciato la violenza, dice la madre, Washington Post (in inglese)
http://www.washingtonpost.com/world/mother-of-libyan-woman-in-rape-claim-case-says-she-is-very-proud-of-her-daughter/2011/03/27/AFNppLkB_story.html

E' necessaria un'indagine sul caso dello stupro in Libia, Amnesty International (in inglese)
http://www.amnesty.org/en/news-and-updates/thorough-investigation-urged-over-libya-rape-case-2011-03-28

Libia: rilasciate immediatamente la donna che ha denunciato lo stupro, Human Rights Watch (in inglese)
http://www.hrw.org/en/news/2011/03/28/libya-immediately-release-woman-who-alleged-rape


Sostieni il nostro lavoro!Avaaz.org è un’organizzazione no-profit indipendente che non riceve finanziamenti da governi o grandi imprese, quindi la tua donazione è di fondamentale importanza per il nostro lavoro. -- clicca qui per fare una donazione.


CHI SIAMO
Avaaz.org è un'organizzazione no-profit e indipendente con 7 milioni di membri di tutto il mondo, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa "voce" in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229

Clicca qui per avere maggiori informazioni sulle nostre campagne.

Non dimenticare di andare a vedere le nostre pagine: Facebook, Myspace e Bebo.
Posta un commento