Pagine

mercoledì 11 maggio 2011

TROTE E BESUGHI

Mi perdoneranno i lettori non liguri, ma proverò a scrivere un post in dialetto savonese...

Oh bélin, ho appenna sentiu che a Zena u ghe saia, cuntra a muschea,
anche u figgiu de Bossi, a Trota.

Mi nu ghe capisciu tanto de pesci, ma me faieva piascei distingue
tra na trota e un besugo, perchè na vota de trote, a Zena, nu ghe nea.

Ma perchè, me dumandu, nun so u tegnan in sciù stu figgiu, invece de vegni a rumpì u belin in liguria? eppoi discian, liutri, "Padroni a casa nostra". Ma va la belinun, stattene a ca tu che chi nu te vu nessciun.

Va be, non sarà un testo degno di Biagio Marin o di qualche altro, ma è sempre un modo per dire al Trota di starsene a casa sua...
Sia detto per inciso: a Genova sino al 1700 c'erano ben 4 moschee e non mi sembra che la cristianità della città ne abbia risentito...
Posta un commento