Pagine

domenica 7 novembre 2010

Ho ascoltato quanto ha detto il Santo Padre nella sua visita in Spagna. Senza alcun pudore ha affermato che vede aggirarsi i fantasmi di un anticlericalismo come quello che c'era negli anni '30.
Ora, questo blog è dedicato, tra le altre cose, alla nonviolenza. Però queste affermazioni fanno tremare i nervi. Proverò a spiegare come mai:
1. si chieda, il Santo Padre, come mai, dopo secoli di regime feudale -ricordo che il medio evo (o almeno il suo lato peggiore) è terminato pochi decenni or sono e si chieda, anche, qual è stato il ruolo della Chiesa in quel medio evo prolungato;
2. si chieda, il Santo Padre, qual è stato il ruolo della Chiesa nel regime franchista -se leggete qualche post più sotto, anche don Milani si scagliava contro il Concilio Ecumenico che si teneva in Spagna, quella Spagna che incarcerava gli oppositori, li torturava e li garrotava -la garrota è uno strumento di tortura inventato, guarda caso, dall'Inquisizione Spagnola: al malcapitato viene messa una cintura metallica intorno alla testa, collegata a una grossa vite. il boi girando la vite fa sì che questa penetri nella nuca della vittima, mentre la cintura gli stritola il cranio;
3. ho poca simpatia per Zapatero, ma ha portato una ventata di modernità in Spagna...e i diritti vanno riconosciuti a tutti...
Posta un commento