Pagine

venerdì 17 settembre 2010

STRANIERO SARA' LEI!
Un assessore comunale romano ha ricordato a tutti che i bambini nati da famiglie straniere non possono essere considerati italiani. Premesso che spesso neanch'io mi sento italiano (e tanto meno rappresentato da chi in questo governo racconta barzelette imbeccilli su Hitler o loda i respingimenti -ricordo che l'Italia spende 5.000.000.000 di euro l'anno per condannare a morte -pardon, respingere- dei poveracci che cercano la salvezza nel nostro paese e poi mancano soldi per le scuole -l'80% degli edifici scolastici è fuori norma, tanto per fare un piccolo esempio).
Dicevo che i bimbi nati da famiglie non italiane sono da considerarsi stranieri. Perchè? Porto un dato concreto: metà dei bimbi stranieri del Circolo Didattico dove lavoro è nata in Italia, frequenta e ha frequentato scuole italiane, guardano ahimè la tv italiana; non parla una solo parola della lingua di origine mentre parla bene la lingua italiana. Se va bene non è mai stata nel paese da cui proviene la sua famiglia. Eppure per la normativa italiana, sono stranieri. Perchè? Se qualche lettore ha capito il motivo, per favore, mi scriva!
Posta un commento