Pagine

martedì 8 maggio 2012

ELEZIONI E PARLAMENTO: UN GOVERNO EXTRAPARLAMENTARE

Al di là del piacere provato nel constatare il crollo della Lega che, Verona a parte, è sfumata persino in Lombardia in concomitanza con la la disfatta del PDL (infilatosi in un cul de sac: con Berlusconi è finito; senza Berlusconi, anche). Al di là di questi piaceri, dicevo, queste elezioni hanno sottolineato il fatto che il governo Monti (sostenuto dal PD e dagli scomparsi centro e PDL), che di tecnico ha solo la macelleria sociale, è sorretto da una maggioranza che non esiste. Se fossero state elezioni politiche una buona percentuale di quelli che ora siedono in Parlamento, sarebbero divnuti ex. Insomma, per farla breve, questo Parlamento non rispecchia più nulla e il governo sostenuto è di fatto, un governo extraparlamentare (avevamo già avuto la sinistra extraparlamentare, la destra extraparlamentare). Una situazione pericolosa. Che fa paura...e sarebbe meglio trovare una via d'uscita, socialista e nonviolenta...
Posta un commento