Pagine

mercoledì 13 ottobre 2010

NOI SIAMO CHIESA

Via N. Benino 3 00122 Roma

Via Bagutta 12 20121 Milano

Tel. 3331309765 --+39-022664753

E-mail vi.bel@iol.it

COMUNICATO STAMPA

L’omelia del vescovo dei militari Vincenzo Pelvi ai funerali degli alpini è stata una provocazione densa di ipocrisia e di retorica

Il portavoce nazionale di "Noi Siamo Chiesa" Vittorio Bellavite ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"Mentre il dubbio sulla presenza di tremila militari italiani in Afghanistan è presente da tempo nell’opinione pubblica e finalmente si sta diffondendo anche in Parlamento, l’Ordinario militare Mons. Vincenzo Pelvi, nell’omelia durante i funerali dei quattro alpini, ne ha dette di tutte. Essi sono "profeti del bene comune, decisi a pagare di persona per ciò in cui hanno creduto e per cui hanno vissuto a servizio dei deboli e degli emarginati" E ancora: "Nessuno può restare neutrale o affidarsi a giochi di sensibilità variabili che indeboliscono la tenuta di un impegno così delicato per la sicurezza dei popoli. I nostri militari si nutrono tutti della forza delle nostre convinzioni nella consapevolezza di una strategia chiara e armonica". Per Pelvi la società civile dovrebbe sostenere in "maniera più concreta ed esplicita"i nostri militari e le loro famiglie.

Ma Pelvi non è da solo, l’"Avvenire" lo segue a ruota e la Presidenza della CEI ha detto che gli alpini svolgevano il loro lavoro "a servizio della pace".

Tutti i veri pacifisti, soprattutto quelli che si ispirano all’Evangelo, hanno il dovere di gridare ad alta voce che il re è nudo, che, cioè, in Afghanistan i militari italiani, in palese violazione dell’art. 11 della Costituzione, partecipano a una guerra, non difensiva ma offensiva, in cui i conclamati propositi di aiuto alla società civile sono di fatto una foglia di fico che non serve più da tempo a nascondere la realtà. Si tratta di una guerra brutale come sempre pagata dai più deboli che sono le vittime civili, e i militari che vi muoiono non sono eroi ma solo nostri fratelli caduti sul lavoro come tanti, ogni giorno, nei nostri cantieri e nelle nostre fabbriche".

Roma, 13 ottobre 2010

Posta un commento