Pagine

giovedì 22 maggio 2008

RAZZISMO E XENOFOBIA: NON IN NOSTRO NOME

COMUNICATO STAMPA
Arci ToscanaArci Firenze Caritas Diocesana Firenze CNCA Toscana Associazione Arcobaleno Cospe Fondazione Michelucci

“Razzismo e xenofobia: non in nostro nome”
Le associazioni firmatarie vogliono esprimere la loro forte preoccupazioneper il clima che si sta sviluppando nel paese. Si parte dall’esaltazionedel tema della sicurezza e si arriva a tollerare la pubblica espressionedell’odio etnico e comportamenti razzisti e xenofobi. I rom in particolaresono oggetto di una aggressione e un disprezzo che non distingue tra leresponsabilità dei singoli ma afferma la colpa collettiva di tutti perviolazione commesse da alcuni di loro.
Questo clima, una volta innestato, diviene poi difficilmente gestibilecome dimostra la cacciata e il rogo delle proprietà personali dei rom aPonticelli.
Invochiamo un atteggiamento attento e responsabile da parte del mondopolitico e dell’informazione per contrastare il diffondersi di un climadi inciviltà che genera ingiustizie inaccettabili e moltiplica i conflittisul territorio. Purtroppo la risposta per ora è non solo debole maaddirittura tende ad assecondare toni esasperati e comportamentiincettabili.
Abbiamo deciso di avviare un percorso comune che abbiamo chiamato“Razzismo e xenofobia: non in nostro nome” che vuole rappresentare un attodi resistenza alla crescita dell’intolleranza nelle nostre comunità.
Al momento abbiamo definito 3 punti di intervento:
1.L’impegno a una costante consultazione e all’assunzione di posizionicomuni quando, con riferimento particolare alla realtà toscana, siesprimano nello spazio pubblico comportamenti o pronunciamenti dicarattere razzista e xenofobo.
2.L’organizzazione nelle prossime settimane di un dibattito pubblico suitemi dell’inclusione sociale, del rispetto dei diritti e dignità dellepersone e dei popoli e della lotta al razzismo. Temi che ci proponiamo distimolare sistematicamente negli ambiti sociali e istituzionali in cuioperiamo, con l’avvio su questi temi di una più ampia campagna diinformazione e ascolto rivolta a scuole, case del popolo, parrocchie ealla società civile nel suo insieme. Produrremo nei prossimi giorni un piùampio documento analitico su questi temi.
3.Infine preoccupati anche dal riemergere in Toscana di una discussionesulla realizzazione di CPT, chiediamo al Presidente della Regione ToscanaClaudio Martini, al Presidente del Consiglio Regionale Riccardo Nencini,ai capigruppo dei partiti presenti nel Consiglio Regionale un incontrourgente per discutere insieme la questione e valutare quali misureintendono adottare per favorire nel nostro territorio il rispetto deidiritti e della dignità delle persone, l’inclusione sociale e il contrastoall’intolleranza.

22/05/2008

Vincenzo Striano - Presidente Arci Toscana Francesca Chiavacci -Presidente Arci Firenze Alessandro Martini - Responsabile CaritasDiocesana Firenze Don Armando Zappolini - Presidente CNCA Toscana EnricoPalmerini -Presidente Associazione Arcobaleno Fabio Laurenzi - PresidenteCospe Udo Enwereuzor - Direttivo Cospe Alessandro Margara - Presidente Fondazione Michelucci


La scuola come territorio di incontro tra le culture, per la condivisione dei diritti e la valorizzazione delle differenze.

Spazio web interattivo per pubblicare materiali e commenti, archiviare file, segnalare siti web, su:http://www.didaweb.net/liste/home.php?lista=002
dw-intercultura e' una lista DIDAweb:http://www.didaweb.net/
modera luisa rizzo lu-sa@mail.clio.it
Posta un commento