Pagine

venerdì 20 novembre 2009

DUE LETTERE APERTE A DUE SINDACI

I° Lettera:

Mosaico dei giorni

Lettera aperta a Gianni Speranza sindaco di Lamezia Terme

20 novembre 2009 - Tonio Dell'Olio


Il sindaco di Lamezia Terme due giorni fa ha subito un'aggressione e intimidazioni da parte di un "cittadino" nel corso di un incontro con gli inquilini delle 11 abitazioni che i militari del Genio stanno demolendo a seguito di una sentenza passata in giudicato che ha dichiarato quelle costruzioni abusive.

Caro Gianni ti sono vicino con tutta l'amicizia di sempre. Anzi di più. Perché hai avuto molto coraggio ad accettare la candidatura a sindaco di una città di 70mila abitanti, con un forte tasso di presenza criminale e alle spalle due scioglimenti (1991 e 2002) dell'amministrazione per infiltrazioni mafiose. Ma tu lo sai bene: Lamezia non è città di mafia! È territorio di gente onesta e laboriosa che ha bisogno di riprendere fiducia nello Stato, di sentirsi parte di una comunità che rispetta le regole che le consentono una convivenza civile.

Chi ha costruito quelle case e chi le ha comprate era sicuro di farla franca. Come sempre. Perché nessuno denuncia e perché prima o poi un condono arriva a rendere legale ciò che è illecito. Altri al posto tuo si sarebbero voltati dall'altra parte perché chiedere il rispetto delle regole non crea consenso. Altri non avrebbero scelto la strada del dialogo perché rischioso. Per parlare chiaro, altri avrebbero considerato che "tengo famiglia, chi me lo fa fare".

Caro Gianni, Lamezia non è confine d'Italia ma avamposto di legalità. Non è città di 'Ndrangheta ma perla di bellezza che chiede riscatto. Tu sappi che non sei solo in questa partita in cui giochi da centravanti ma hai compagni di squadra in ogni parte d'Italia. Ti abbraccio.


http://www.peacelink.it/mosaico/a/30655.html


________________________________________

Mosaico di pace

Via Petronelli n.6

70052 Bisceglie (BA)

tel. 080-395.35.07

fax 080-395.34.50

http://www.mosaicodipace.it/

II° Lettera aperta al Sindaco di Coccaglio (BS)

Caro Signor Sindaco,

Le scrivo a proposito dell'iniziativa 'Withe Christmas'. Non si preoccupi: sarò breve. Le volevo solo chiedere se non si vergogna neanche un po'. No? Peccato! Essere umani, almeno a Natale...

Non che mi stupisca più di molto: viviamo nel paese di egolandia e quindi cosa vuole che importi di quei morti di fame che vengono qui a rompere l'anima, a rubare i posti di lavoro, a usufruire dei nostri servizi, ecc. ecc.

Ebbene volevo dirle che a noi importa. Per favore, ritiri quella odiosa delibera.

Grazie e buon Natale

Giuliano

Posta un commento