Pagine

lunedì 1 giugno 2009

risparmiare 15 miliardi di euro? si può! spenderli in maniera più intelligente? Anche!

Per Unaltracittà

Lista di cittadinanza: www.perunaltracitta.org


Stop ai Cacciabombardieri: "Si risparmino 15 miliardi".
Per Unaltracittà aderisce all'appello
Un impegno per il Consiglio Comunale fiorentino

“Il governo risparmi i 15 miliardi di euro destinati alla produzione dei 131 cacciabombardieri F-35 e destini qu
ei soldi per affrontare la crisi economica e contribuire alla ricostruzione in Abruzzo".

' la richiesta della lista Per
Unaltracittà, che aderisce all'appello lanciato oggi in tal senso dalla
“Campagna Sbilanciamoci!” e della Rete Italiana per il Disarmo.
“Chiederemo ufficialmente al nuovo Consiglio Comunale una chiara scelta
di campo a favore del disarmo attraverso la costituzione di un fondo di
riconversione del Comune, oltre a proporre misure di sostegno ai
lavoratori che vogliano aderire all'obiezione militare”.

"Con una velocità inusuale e sconvolgente - hanno spiegato oggi nel corso di
una
conferenza stampa Massimo Paolicelli della Rete italiana per il Disarmo
e Giulio Marcon della "Campagna Sbilanciamoci!" - il Senato prima e la
Camera poi, hanno dato il via libera al governo per l’acquisto di 131
cacciabombardieri Joint Strike Fighter che impegneranno il nostro paese
fino al 2026 con una spesa di quasi 15 miliardi di euro. Con quei soldi
- hanno aggiunto - si possono fare molte altre cose in alternativa. Ad
esempio si possono costruire 5000 nuovi asili nido, costruire 8 milioni
di pannelli solari, dare a tutti i collaboratori a progetto la stessa
indennità di disoccupazione dei lavoratori dipendenti, allargare la
cassa integrazione a tutte le piccole imprese".

La Comunità di Base delle Piagge è fra le associazioni promotrici della
“Campagna Sbilanciamoci!” ed aderisce alla lista "Per Unaltracittà" con cinque
canddiati: per il Consiglio, comunale Alberto Mega e Adriana Alberici,
candidata anche alla presidenza del Quartiere 5. Per il consiglio di
Quartiere 5 ci sono anche Fabrizio Cherubini, Jacopo Menichetti e
Daniela Misuri.

Ecco qui di seguito il testo dell'appello sottoscritto
dalle candidate a Sindaco di Firenze Ornella De Zordo e alla Presidenza
della Provincia Claudia Agati, insieme a tutti i candidati al Consiglio
Comunale ed ai Quartieri.
---------------------------------

Di fronte
alla folle decisione governativa di destinare ben 15 miliardi di euro
alla produzione dei 131 cacciabombardieri F-35 rispondiamo con una
ferma condanna. Per questo ed aderiamo all'appello lanciato dalla
Campagna Sbilanciamoci! e della Rete Italiana per il Disarmo, chiedendo
l’immediato stop alla produzione degli F-35 e la destinazione dei 15
miliardi, stanziati per il loro acquisto, per affrontare la crisi
economica e contribuire alla ricostruzione dell’Abruzzo. Ci impegniamo
altresì a far conoscere ed a diffondere sul territorio fiorentino la
campagna di obiezione civile alle spese militari che comporta l’invio
di una dichiarazione ufficiale di obiezione al Presidente della
Repubblica attraverso versamenti, anche minimi, a favore di
associazioni che si battono per il disarmo, quali la Lega degli
Obiettori di coscienza per il Fondo per la pace, l’Ufficio nazionale
per il Servizio Civile, Associazioni-ONG-ONLUS, impegnate in azioni
dirette non armate, non violente, per la pace.
I candidati si
dichiarano pronti inoltre a richiedere ufficialmente al nuovo Consiglio
Comunale una chiara scelta di campo a favore del disarmo con la
costituzione di un fondo di riconversione del Comune. Inoltre ci
impegnamo a proporre misure in sostegno dei lavoratori, dipendenti da
aziende coinvolte nelle produzioni belliche, che vogliano esercitare il
loro diritto all’obiezione di coscienza ed essere dispensati dal
fornire le loro prestazioni lavorative in progetti “armati”.






--~--~---------~--~----~------------~-------~--~----~
Hai ricevuto questo messaggio in quanto sei iscritto al gruppo Gruppo "sempre contro la guerra".
Per mandare un messaggio a questo gruppo, invia una email a
semprecontrolaguerra@googlegroups.com
Posta un commento