Pagine

domenica 14 giugno 2009

CHI CI HA DERUBATO?

D'intesa con la redazione di Rocca (rocca@cittadella.org ; www.rocca.cittadella.org ) diffondo in anticipo (come già faccio con gli articoli di La Valle) il mio prossimo articolo per la rubrica "Fatti e segni" (che tengo dal 1989), come invito a conoscere questa rivista quindicinale, chiedendone numeri in saggio.

Rocca è eccellente per la larghezza di interessi, per l'attenzione approfondita a problemi e fatti, ed è ben leggibile per il linguaggio serio, libero, non riservato a specialisti.
Enrico Peyretti, Torino

Chi ci ha derubato?
Enrico Peyretti

Angelo - Da bimbi lo sapevamo e l’abbiamo dimenticato: un angelo accanto ad ognuno, che ha cura di lui. Che altro sapevamo che non sappiamo più? Che cos’abbiamo imparato che i bimbi non sanno? Che cosa potremmo imparare se continuassimo a nascere?Bimbi - Ero lì senza sorriso, quando piccoli passerotti umani compaiono correndo, giocando ad inseguirsi sulla via, due bimbetti appena sgambettanti, spettacolo di vita risorgente, e io senza volerlo mi trovo che sorrido. Dolore - Ricordo una riflessione di don Michele Do sul “buon ladrone”. Tento di riassumerla. È un uomo condannato ad atroce sofferenza che sa guardare al dolore del vicino, non solo al proprio; è un colpevole che riconosce il proprio male e chiede a Gesù che si ricordi di lui, nel suo regno. Gli altri (anche l’altro condannato) sfidano Gesù a salvare se stesso se vuol salvare altri. Forse in quel momento Gesù è tentato di ritenere fallita tutta la sua opera, abbandonato dal Padre. Il buon ladrone lo riporta alla missione per cui è nato, per cui muore: annunciare la salvezza. Il ladrone aiuta Gesù, quasi lo salva come messia, e Gesù gli promette salvezza per questa sua fiducia nella vita mentre è preda di una vendetta di morte, per la rara santità di saper guardare l’altro, crocifisso come lui, accanto a lui. Noi siamo salvati sulla croce di Gesù, ma anche su quella del ladrone buono.Dono - Ognuno restituisce ai figli ciò che ha avuto dai genitori. Non è al datore che si rende il dono. Continua solamente ciò che si perde. Giustizia - Enormi parti dell’umanità hanno creduto e sperato nella giustizia, amato e lottato per l’uguaglianza di tutte le persone nella dignità effettiva, hanno pagato anche con la vita per la liberazione dalla fame e dalla soggezione ai bisogni che abbrutisce. Tutto questo non è stato solo nel movimento operaio e socialista nei due secoli precedenti all’attuale, ma era già nelle sapienze e nelle morali antiche, che sono radice e anima, spesso non riconosciuta, di quel movimento contemporaneo. Oggi quella fede sembra perduta. Chi ci ha tanto derubato? Chi ci ha tolto la fede nella giustizia? Chi ha distrutto quest’anima, senza la quale l’umanità non è viva? Se riusciamo a vedere chi e che cosa, anche in noi stessi, ci ha avvelenato la speranza, chi ci ha falsificato l’ideale in illusione, per potere spararci addosso il colpo mortale della delusione e della rassegnazione, allora potremo tornare a fare analisi della realtà alla luce della intelligenza disincantata e con la forza dell’anima (satyagraha), e potremo vedere dove sta l’inganno e come si può cercare di diventare veramente umani, soci o fratelli, più giusti. Mare - La nave taglia il mare: una gran pelle ferita sanguina schiuma bianca. Il mare è mobile, grande, uguale, rotondo, superficie del profondo. Qui il mondo liquido prende forma dal vento, che si rivela in onde dalle creste bianche, che subito scompaiono. Immagino che siano queste le figure antiche di sirene nascenti dall’acqua. Il mare è più antico di tutta la storia, solo le stelle più antiche di lui. Si affacciano i delfini, a ridere di noi superficiali e metallici.Pena - La coppia che litiga per strada è molto penoso spettacolo, fa vacillare il senso delle cose. Pensare - Integra la realtà con la fantasia e puoi incontrare nuova realtà. Limita la fantasia alla realtà e puoi perdere nuova realtà.Regalo - Non puoi regalare un giocattolo a un bambino, che ce l’ha già… Ne hanno troppi. Una buona idea: cercare i giocattoli di una volta, originalissimi. Ma ci sono ancora?Scusa – Vorrei potere scusare un uomo potente e vuoto, miserabile. Anche lui, affamato di donne prelibate, cerca Dio, purché non le consideri sacrifici umani dovuti alla propria divinità, ma spenda se stesso, deluso dal potere, come estrema invocazione, nel seno di ogni povera immagine dell’infinita bellezza.Silenzio - I morti sono in Dio. Se parlo con Dio parlo con loro. Rispondono, per la stessa via, come risponde Dio: con silenziosi suggerimenti interiori.Tempo - Con l’invecchiare, sempre meno sono i nomi che ti risultano nuovi, e tutte le facce che vedi somigliano ad una già vista. Ti scopri a pensare come Qohelet, sempre più spesso. I tipi umani sono limitati. Sì, ogni persona è unica, ma l’umanità si ripete terribilmente simile, nei suoi aspetti, e nei comportamenti.
Posta un commento