Pagine

martedì 25 settembre 2007

Questo governo ci ha deluso...anche se non ci aspettavamo molto...


comunicato stampa della Tavola della pace

Il Governo ci ha deluso.

Il 7 ottobre marceremo per costruire una nuova politica


La Tavola della pace chiede un incontro al Presidente Prodi e ai Ministri D´Alema e Parisi

Assisi, 7 luglio 2007 - Al termine della due giorni di lavori del Seminario nazionale della Tavola della Pace, gli oltre 300 partecipanti in rappresentanza di associazioni ed enti locali italiani lanciano un monito al mondo della politica e delle istituzioni: "Siamo delusi e preoccupati dopo i primi 15 mesi del governo Prodi. Ci aspettavamo di più in termini d´impegno per la pace e per i diritti umani e vediamo disatteso il programma elettorale che aveva recepito molte delle nostre richieste", questa la sintesi di Flavio Lotti e Grazia Bellini, coordinatori nazionali della Tavola della Pace. Una platea critica e propositiva si è confrontata sulla base del documento della Tavola della pace "Voglio di +. Quello che chiediamo oggi al Governo, al Parlamento e a tutte le forze politiche italiane." Chiediamo un metodo nuovo per costruire le decisioni, capace di ascoltare il popolo della pace, le proposte dei costruttori di pace, le associazioni, i gruppi, gli enti locali che tutti i giorni s´impegnano a fare qualcosa per la pace e la giustizia, senza aspettare che lo facciano altri al loro posto. Non c´è politica di pace, infatti, senza partecipazione attiva e senza coinvolgimento dei cittadini. Ci preoccupa la crisi della politica perché ci impedisce di rispettare i nostri doveri internazionali di solidarietà e di giustizia. Ci preoccupa anche la frattura che questa delusione sta provocando tra la società civile e i rappresentanti della politica. Cresce il numero di quanti pensano che politica e istituzioni siano incapaci di costruire la cultura della pace. Non crediamo nell´antipolitica. Crediamo nel confronto e nel dialogo con tutti i responsabili della politica e delle istituzioni. Noi siamo pronti a fare la nostra parte e ad assumerci le nostre responsabilità. Ma vogliamo poterne discutere, sapendo di essere ascoltati. Chiediamo un incontro con il Presidente del Consiglio Prodi, che due anni fa, da candidato, era venuto a Perugia per l´Assemblea dell´Onu dei Popoli. Chiediamo un incontro con il Ministro degli Affari Esteri e il Ministro della Difesa. Chiediamo un incontro con i responsabili di tutti i partiti impegnati nel difficile compito di riorganizzare la politica. L´avvicinarsi del 60° Anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani ci ricorda come "tutti i diritti umani per tutti" sia la bussola che deve orientare ogni scelta politica e misurarne la sostenibilità. Contro l´antipolitica, contro ogni qualunquismo politico noi rilanciamo un forte appello a cambiare, a fare di più. Per questo la prossima Perugia-Assisi del 7 ottobre sarà una marcia per costruire una politica nuova e una nuova cultura politica nonviolenta fondata sui diritti umani.

Per contatti stampa Alessandra Tarquini e Floriana Lenti 3 47.9117177 - 3384770151

Ufficio Stampa Tavola della pace tel 075/5734830 fax 075/5739337

email: stampa@perlapace.it

http://www.perlapace.it/

Questo comunicato stampa non è freschissimo: nel frattempo le cose sono peggiorate...ad esempio, il governo Prodi (che parla tanto di tagliare le spese della politica) ha aumentato le spese militari (più del governo Berlusconi). Si è impegnato maggiormente in situazioni di guerra, sino a giungere al blitz congiunto italo-brittanico per liberare gli italici militari rapiti in Afganistan e via dicendo (senza dimenticare la vicenda della base di Vicenza e un continuo parlare di ritorno al nucleare...).

Per essere un governo di "sinistra" non c'è male (e, vorrei ricordarlo, nel governo ci sono pure i verdi, che sotto il simbolo del sole che ride scrivono pure la parola PACE...

Posta un commento