Pagine

martedì 9 agosto 2011

LE RADICI E LE ANTENNE: CONVEGNO SU MARIO TORTELLO


Mario Tortello è stato uno dei protagonisti dell'inclusione scolastica dei bimbi con disabilità. Personalmente fa parte di quella sorta di pantheon laico in compagnia di don Lorenzo Milani, Aldo Capitini, Adriano Milani Comparetti e pochi altri.

CONVEGNO IN RICORDO DI MARIO TORTELLO. Le radici e le antenne. Torino: premesse e avanguardie di inclusione scolastica e sociale delle persone con disabilità



Scritto da FADIS Redazione il 03/08/2011. Last modified: Wed, 03 Aug 2011 16:08:12 +0200


Si svolgerà a Torino venerdì 30 settembre 2011 il convegno in ricordo di Mario Tortello dal titolo: " Le radici e le antenne. Torino: premesse e avanguardie di inclusione scolastica e sociale delle persone con disabilità". La partecipazione all'iniziativa promossa dall'Università degli Studi di Torino è gratuita con prenotazione obbligatoria da inviare entro il 16 settembre.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO


ACCESSIBILITÁ, INCLUSIONE, DIFFERENZE, DISABILITÁ


L’Università di Torino per il Centocinquantenario dell’Unità d’Italia


Incontri settembre – novembre 2011


Direzione Scientifica: prof.ssa Marisa PAVONE


Delegata del Rettore per la Disabilità

IN RICORDO DI MARIO TORTELLO


Convegno


Le radici e le antenne


Torino: premesse e avanguardie di inclusione scolastica e sociale delle persone con disabilità


30 settembre 2011


Aula Magna del Rettorato


via Verdi 8 - Torino

L’ingresso è gratuito.


E’ necessaria la prenotazione entro il giorno venerdì 16 settembre 2011 contattando il Settore Integrazione Studenti Disabili.


Ai richiedenti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Informazioni, organizzazione e prenotazioni a cura del Settore Integrazione Studenti Disabili


Divisione Gestione Risorse Umane


Tel +39 011.670.4282/3/4


Fax +39 011.670.4285


E-mail: ufficio.disabili@unito.it


Approfondimenti on line

Scuola inclusiva: interventi di Mario Tortello

FADIS: Coniugare la ricerca della qualità e della professionalità con la cultura della solidarietà
Posta un commento