Pagine

sabato 30 marzo 2013

PER ENZO JANNACCI



La morte di Enzo Jannacci suscita in me un dolore profondo.
Nel 1987 coordinavo per l'Italia la campagna di solidarieta' con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel corso di quella campagna - e momento centrale di essa - vi fu anche una settimana di iniziative a Viterbo in occasione del primo maggio: l'evento conclusivo della settimana fu un concerto di Enzo Jannacci.
Poiche' non mi sembra che altri abbiano ricordato in particolare l'impegno antirazzista di Jannacci e il suo concreto contributo alla campagna di solidarieta' con Nelson Mandela, mi e' sembrato necessario scrivere queste righe, per ringraziarlo ancora, ed anche perche' - alcune casuali coincidenze hanno la forza disvelatrice dei simboli - la sua scomparsa avviene tragicamente nello stesso giorno della morte di altri due esseri umani mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo per giungere in Italia, vittime innocenti dell'infame politica razzista praticata dallo stato italiano e dall'Unione Europea che rifiuta ospitalita' e nega il diritto umano alla liberta' di movimento nel mondo, praticando una sorta di apartheid su scala planetaria.
So che Enzo Jannacci avrebbe fatto quanto in suo potere per salvare le loro vite.
So che e' compito nostro continuare la lotta contro la violenza razzista.

Peppe Sini, responsabile del "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

Viterbo, 30 marzo 2013

Mittente: "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail: nbawac@tin.it e centropacevt@gmail.com , web: http://lists.peacelink.it/nonviolenza/ 
_______________________________________________
Nonviolenti mailing list
Nonviolenti@lists.nonviolenti.org
http://lists.nonviolenti.org/cgi-bin/mailman/listinfo/nonviolenti
Posta un commento