Pagine

giovedì 7 aprile 2011

INDIGNAZIONE PER I MORTI DI LAMPEDUSA E UNA PROPOSTA

quello che è successo ieri a Lampedusa mi riempie di costernazione e di rabbia: non riesco a trovare parole adeguate.
Tutti i movimenti per la pace, il mondo del volontariato e della solidarietà, le chiese dovrebbero proclamare 3 giorni di lutto nazionale, per pregare per quei poveracci morti annegati, per tutti coloro che rischiano la vita per trovarsi di fronte i signori della morte e del "fora di ball", per meditare su cosa possiamo fare per aiutarli, xchè queste cose non debbano accadere, per manifestare il nostro sdegno verso un governo ed una maggioranza razzista, disumana, x dimostrare che l'Italia non è fatta di xenofobi rabbiosi.
Esponiamo tutti le bandiere listate a lutto (della pace, tricolori, quel che volete)
Mettiamole nelle nostre sedi (iniziamo al centro sereno regis, mettiamo un nastro nero) nelle nostre case.
Riusciamo a mettere insieme un comunicato ed un appello in poche ore tutte le nostre associazioni (mir, mn, pax christi, ecc)?
ciao
Paolo Candelari

Commento mio:
concordo con quanto scrive l'amico Candelari. Sono allibito. Ma quello che più mi addolora è l'indifferenza della gente, capca solo di mugugnare sul fatto che l'europa ci lasci soli (tra l'altro, il centrodestra -?- governa sia in Europa che in Francia).
Invece mi fa proprio rabbia che si continui a disquisire sulla distinzione tra clandestini, rifugiati, richiedenti asilo. Chi se ne frega! Sono tutti esseri umani e quindi dobbiamo aiutarli.
Ai bambini che a scuola tentano (magari riportando i discorsi che sentono a casa) di giustificare l'allarme immigrazione, rispondo sempre: e se tu fossi al loro posto, cosa faresti?
A proposito: la lega, tanto per cambiare, aveva parlato di centinaia di migliaia di immigrati in arrivo. Attualemente, il tg di rainews parlava di 20.000 arrivi...
Dobbiamo controbattere ogni argomento razzista anche perchè i razzisti ci faranno la campagna elettorale sopra...
Posta un commento