Pagine

venerdì 24 settembre 2010

LIBRO E MOSCHETTO...COS'E' UN DEJA VU?

Riporto due mail da questo argomento tragicamente tornato di 'moda'...


da una mail di Carloge <gawen52@yahoo.it>
Date: 21/set/2010 16:20
Subject: [forum Sinistra Europea GE] Gelmini: studenti "soldato" nei licei, impareranno a sparare. Il declino inarrestabile della scuola italiana.
To: Verità Giustizia <
veritagiustiziagenova@yahoogroups.com>


Mai la scuola italiana aveva raggiunto, nel corso degli ultimi decenni, un
livello così basso. Per molti quasi un punto di non ritorno. Lo confermano
i dati statistici, lo stato degli atenei italiani, le difficoltà della
didattica, gli scarsi risultati degli studenti (rispetto ai coetanei
europei). La scuola italiana è al collasso, si sa, nonostante le tante
riforme (pseudo-riforme) di questi ultimi anni. Un numero considerevole di
tentativi che, invano, hanno tentato di dare un po’ di respiro al settore,
senza riuscirci. Anzi, quello che abbiamo davanti è un quadro sempre più
cupo, senza prospettive. E così, assistiamo, ad una serie di scandali, di
decisioni eclatanti, spesso non conformi neanche alla stessa legge
italiana. Lo sa il Ministro dell’Istruzione Gelmini, lo sanno gli
operatori della scuola, lo sanno gli studenti. E dalla scuola di Adro al
nuovo protocollo firmato fra il Ministro dell’Istruzione Gelmini e il
Ministro della Difesa La Russa, il passo è davvero breve. Forse l’ultimo
colpo di coda di un’estate "drammatica" per la scuola, che preannuncia un
autunno davvero caldo, anzi, incandescente.

Lo chiamano "allenati per la vita" ed è un corso valido come credito
formativo rivolto agli studenti dei licei. In realtà sembra un vero e
proprio corso "paramilitare". Non è uno scherzo. E’ un protocollo già
firmato fra la Gelmini e La Russa. Ma cosa prevederà? Con grande pace
della Gelmini, gli studenti dei licei impareranno a sparare con pistola
(ad aria compressa), a tirare con l’arco, ad arrampicarsi, a eseguire
perfettamente "percorsi ginnico-militari". E quale sarebbe l’assurda
spiegazione (motivazione) di questa nuova trovata "geniale" del Ministro
Gelmini? Ecco la laconica ed "ipocrita" risposta: "Le attività in
argomento permettono di avvicinare, in modo innovativo e coinvolgente, il
mondo della scuola alla forze armate, alla protezione civile, alla croce
rossa e ai gruppi volontari del soccorso". Si tratta, in buona sostanza,
di veicolare la pratica del mondo militare in quello della scuola: roba da
altri tempi, tempi bui e, speriamo, non riproponibili.
Ma la speranza "muore" leggendo, di fatto, in cosa consisterà la prova
finale per il nuovo corso "allenati per la vita" (leggi corso
"paramilitare", ndr): "una gara pratica tra pattuglie di studenti". No,
non è un errore di battitura. La circolare parla proprio di "pattuglie" di
studenti. A dir poco equivocabile e senza ritegno il termine utilizzato.
Fosse solo il termine! E’ un progetto "innovativo" passato nel silenzio
assoluto delle opposizioni. Ma anche questa, purtroppo, non è una novità.

E con la nuova proposta Gelmini – La Russa , si allunga, di fatto,
l’elenco degli incomprensibili provvedimenti del Ministro dell’Istruzione.
I tagli alle elementari hanno eliminato qualsiasi potenzialità di
realizzare il vero tempo pieno e ridotto gli spazi per progetti, uscite
didattiche e laboratori. Non c’è un insegnante di sostegno ogni due
studenti disabili, come prevede la legge, a tal punto che alcuni alunni
vengono seguiti solo per cinque ore settimanali. Il provvedimento che
prevede il numero maggiore di studenti per classe, da 27 a 35, viola
apertamente il testo sulla sicurezza scolastica: Il D.M. Interno del
26/8/1992, recante "Norme di prevenzione incendi per l’edilizia
scolastica", al punto 5.0 ("Affollamento") stabilisce che, al fine
dell’evacuazione delle aule, il massimo affollamento ipotizzabile è
fissato in 26 persone/aula ed al punto 5.6 ("Numero delle uscite") che le
porte devono avere larghezza di almeno m 1,20 ed aprirsi nel senso
dell’esodo quando il numero massimo di persone presenti nell’aula sia
superiore a 25 (quante scuole, in tutto il territorio nazionale, non sono
in regola? La maggioranza). E la riduzione del tempo scuola nei licei
artistici (11%) , nei licei linguistici (17%), negli istituti tecnici e
professionali (diminuzione del 30% delle ore di laboratorio) a quale
esigenza didattica di rinnovamento rispondono? Forse servono a far posto a
pseudo-corsi di natura "paramilitare" come quello messo in campo dal duo
Gelmini – La Russa? Tante sono le domande, poche le risposte e le
certezze. Quello che appare chiaro, tuttavia, è che non basteranno anni di
riforme e provvedimenti ad hoc per far risalire la china alla scuola
italiana. E la trovata degli studenti soldato nei licei, a dir poco
bizzarra, non va in quella direzione. Siamo al punto più basso della
scuola italiana? Peggio di così non può andare? Seppur infinitamente poco
consolatoria, dateci almeno questa, di certezza.

Fonte:Famiglia Cristiana

--
Carlo
Forum Per La Sinistra Europea - Genova
http://versose.altervista.org/


E il fucile entrò a scuola. Lezioni di guerra agli studenti

"Esistono già le scuole, non certo comunali né regionali, nelle quali si insegna a sparare e a maneggiare bastoni e coltelli, ma anche a fingersi storpi o ciechi per impietosire la gente".Articolo di: Francesco Merlo

&&&& Foto di http://it.peacereporter.net/

Forse è arrivato il momento di ritirare a Ignazio La Russa quell’attestato di simpatia che gli conferì Fiorello trasformando in satira e ironia il fascista primordiale ossessionato dalla virilità, con il naso adunco e righignato, le nari larghe, la barbetta sotto il mento, le ciglia aspre come setole. Gli occhi come due palle di fuoco e l’ormai famosa voce, che è – "digiamolo" – fascismo rasposo più che buonumore rauco. In combutta con Maria Stella Gelmini, La Russa ha introdotto la pratica delle armi nelle scuole superiori. E’ un corso di guapperia militaresca, valido come credito formativo, che hanno chiamato "Allenamento alla vita" e dove l’insegnamento pratico delle tecniche di guerra, la divisione dei ragazzi in pattuglie, il caricamento dei fucili e le sedute nei poligoni di tiro stanno insieme ad altre discipline belle, giuste e già obbligatorie nelle scuole anglosassoni, come per esempio la sopravvivenza, il nuoto, il primo soccorso e le tecniche di salvataggio. E’ dunque evidente il tentativo di nascondere le ortiche in un mazzo di fiori, ma il risultato finale è quello, opposto, di nascondere i fiori ed esaltare le ortiche, vale a dire lo spirito guerriero come valore educativo.
E’ chiaro che nessun La Russa e nessuna Gelmini riusciranno a risvegliare negli italiani la retorica degli otto milioni di baionette ed è molto probabile che non è questo che i due ministri vogliono. Insomma non è il fascismo che li anima. E’ però una caricatura di "libro e moschetto" questa idea che la scuola debba insegnare a sparare ed è l’ennesima prova che troppo presto e con troppa benevolenza abbiamo liquidato Ignazio La Russa come pittoresco quando concesse le Frecce Tricolori al circo di Gheddafi, o quando si fece riprendere in tuta mimetica negli avamposti afgani, o ancora quando cercò di picchiare, con le sue manone ministeriali, un giornalista che "disturbava" la conferenza stampa di Berlusconi. O, andando a ritroso, quando fu sorpreso (e registrato) da un cronista del Tempo in un bar di Roma, mentre con Gasparri e Matteoli sfogava la sua arcaica e cameratesca virilità in un turpiloquio irripetibile, a conferma di un rapporto losco con il sesso, rude, crudo, diretto, strumentale e fascista. La verità è che del fascismo nostalgico La Russa conserva la vocazione per la pagliacciata delle parate, il salto dentro il cerchio di fuoco di Storace, e da ministro della Difesa scambia i militari con i militaristi, l’esercito moderno che sa fare la guerra perché vorrebbe abolirla con i Rambo e con la maschia gioventù della sua sottocultura, i cittadini guerrieri che sanno tutto di fucili, coltelli, polvere pirica, cartucce, tute mimetiche e stivaloni.
Nelle scuole tedesche e in quelle inglesi, a Chicago come a Parigi, a Stoccarda come a Londra e anche a Torino, per non parlare di certi istituti dei quartieri caldi delle città italiane del Sud, circolano troppe pistole e coltelli, e ci sono ragazzi che sparano con il fucile dal balcone di casa, altri ancora che massacrano i loro coetanei. Insomma sempre più si diffonde, anche in Italia, l’uso delle armi da gioco e da difesa, armi da caccia e armi contro l’insicurezza, armi di paura, armi per diventare eroi, armi per diventare delinquenti. Sembra dunque incredibile che la ministra Gelmini pensi davvero che imparare a sparare permetta "di avvicinare, in modo innovativo e coinvolgente, il mondo della scuola alle forze armate, alla protezione civile, alla Croce rossa e ai gruppi volontari di soccorso". E’ vero il contrario: per educare e per allenare alla vita, la scuola dovrebbe, fra le altre cose, smontare la cultura delle armi e insegnare a vivere con compostezza, perché i fucili, le pistole e le pallottole prima o poi trovano un nemico da abbattere: "Se al primo atto il fucile è appeso al muro, al terzo sicuramente sparerà".
Perché non insegnare allora la speciale camminata del protettore di strada, l’uso della mezza parola e dei baffoni a cespuglio o magari la loro variante padana, vale a dire il dito medio di Bossi che è come il ciuffo manzoniano, quello dei bravi? Le armi a scuola sono roba da Antistato, da picciotti appunto. La Gelmini è la loro nuova eroina se non altro perché in questo modo dimostra ai picciotti che tutto è professionale e tutto si può insegnare, anche l’accattonaggio. Esistono già le scuole, non certo comunali né regionali, nelle quali si insegna a sparare e a maneggiare bastoni e coltelli, ma anche a fingersi storpi o ciechi per impietosire la gente. E come tutti capiscono, ci vuole professionalità e tecnica anche per rubare motorini.
Come dicevamo all’inizio, facendo la caricatura dell’uomo delle caverne, Fiorello offrì a La Russa un passaporto per la simpatia. Ed è probabile che davvero a La Russa riuscì di prendere le distanze da quel se stesso che Fiorello così bene strapazzava. Ma desso che il potere ce lo ha restituito al naturale, il brutto anatroccolo è ridiventato brutto anatroccolo. Ha perso la dignità umoristica ed è ritornato ad incarnare lo stereotipo, ridicolo ma non più simpatico, del fascista violento fuori dal tempo e fuori dal mondo. E gli si affianca la Gelmini che con cinica crudezza e con indecenza getta nella scuola – spazzatura tutte le ossessioni dei ministri del governo Berlusconi: i tagli di Tremonti, i fannulloni di Brunetta, i razzismi della Lega, il rancore verso i sindacati e il sessantotto, e ora l’arditismo del ministro della Difesa. Come ultima scelleratezza la Gelmini "addottora" infatti le armi e i miti primordiali di La Russa: appalta la scuola al selvaggio di destra con il totem della virilità.

Fonte: La Repubblica

24 settembre 2010



--
Luca Magosso
Centro Studi Sereno Regis
Via Garibaldi 13
10122 Torino
c.f 97568420018
tel 011532824 fax 0115158000
cell 3395833992
http://serenoregis.org

 


Posta un commento