Pagine

sabato 18 settembre 2010

PRIMA DELLA PADANIA



Il Ministro Gelmini ha emanato una circolare che informa che i simboli leghisti posti un po' ovunque nella scuola elementare statale di Adro (Brescia) devono essere tolti. Bene. Però ho visto alla tv che il polo scolastico è intitolato a Gianfranco Miglio. Quando si parla di 'cattivi maestri'...


Vediamo un po' chi era Miglio (che, per onestà, devo ricordare che era tra i fondatori della rivista Limes -come dire, uno dei pochi, se non l'unico, intellettuale della Lega)...


Ho prelevato questo scritto dal sito della lega nord (come si fa a disinfettare un computer?):


 


Gianfranco Miglio

Gianfranco Miglio è nato a Como nel 1918, da una famiglia presente sul Lario da più di settecento anni. Professore ordinario di Scienza della politica all’Università Cattolica di Milano, è stato per trent’anni Preside della facoltà di Scienze politiche. Dopo essersi dedicato alla Storia del diritto internazionale, e alla teoria dell’amministrazione pubblica, dal 1964 si è occupato dei problemi dello stato moderno in generale, e del sistema politica italiano in particolare, nonché delle questioni più rilevanti dell’ordinamento internazionale attuale. Dal 1980 al 1983 ha diretto i lavori del "Gruppo di Milano", che studiò e propose un organico progetto di riforma della Costituzione italiana. Eletto senatore nel 1992 e nel 1994 come indipendente nelle file della Lega Nord è poi stato riconfermato nel 1996. Il 10 agosto del 2001 il professore si è spento nella sua casa in provincia di Como.


 


Il pensiero di Miglio
Gli scritti del "Professore",qui sotto riportati come documenti, interventi, lettere e articoli, sono di una attualità straordinaria proprio per la lucidità e la forte aderenza alla realtà dei fatti politici ed istituzionali.

CONGRESSI




Il "Decalogo di Assago" redatto da Miglio al Congresso Lega Lombarda - Assago dicembre 1993


Intervento di Miglio al Congresso Lega Nord - Bologna, febbraio 1994


ARTICOLI




La Padania e le grandi regioni - dal "Il Corriere della Sera" - dicembre 1975


LETTERE




Lettera di Miglio a Massimo Cacciari - 1993


DAI SUOI LIBRI




Perchè servono tre macroregioni dal libro "Una Costituzione per i prossimi trent'anni"


Miglio e le tre macroregioni dal libro "L’asino di Buridano"


Le macroregioni proposte da Miglio

LE MACROREGIONI PROPOSTE DA MIGLIO (vedi cartina sopra)
Il progetto redatto dal professor Miglio nel "Decalogo di Assago" (dicembre 1993) prevede la creazione di tre macroregioni: Repubblica del Nord (3), Repubblica dell'Etruria (4), Repubblica del Sud (6) e la conservazione delle cinque regioni a statuto speciale esistenti Valle d'Aosta (1), Trentino Alto Adige SudTirolo (2), Friuli Venezia Giualia (5), Sicilia (7) e Sardegna (8). Il progetto riconosce le autonomie "storiche" più forti; per la prima volta, poi, si dà all'Italia centrale la denominazione (e la connotazione) di Etruria, ricominciando a formulare un distinguo storico e linguistico tra la Toscana e il resto della parte centrale della Penisola.


http://www.leganord.org/elezioni/2008/bossi_miglio/default2.asp


Nota mia:


PS: anche su questo sito campeggia l'anticostituzionale dicitura Lega nord per l'indipendenza della padania


PPS1: Gianfranco Miglio è colui che aveva dichiarato che già in Toscana si sentiva a disagio...

PPS2: la cartina pubblicata non parla di padania. si vede che bossi non l'aveva ancora pensata...ahi ahi ahi

Posta un commento