Pagine

martedì 10 marzo 2009

ALCUNE PORCHERIE INSERITE NEL DECRETO SICUREZZA...

da una mail di sergio briguglio a diverse liste…


Cari amici,
e' previsto per martedì prossimo l'inizio dell'esame del ddl
sicurezza (A.C. 2180, approvato dal Senato come A.S. 733) da parte
delle Commissioni riunite Affari costituzionali e Giustizia della
Camera.

Ricordo solo alcune delle porcherie inserite in questo disegno di legge:

- la soppressione del divieto di segnalazione dell'immigrato
irregolare che ricorra a prestazioni sanitarie;

- l'imposizione del requisito di regolarità del soggiorno per poter
contrarre matrimonio in Italia;

- l'esibizione del titolo di soggiorno per il perfezionamento degli
atti di stato civile (es.: la registrazione della nascita o il
riconoscimento del figlio naturale);

- l'imposizione del requisito di idoneità abitativa certificata dal
Comune ai fini del ricongiungimento familiare;

- la verifica delle condizioni igienico-sanitarie dell'alloggio ai
fini dell'iscrizione anagrafica;

- l'istituzione di un accordo di integrazione ai fini del rilascio e
rinnovo dei permessi (permesso a punti);

- l'istituzione di un test di conoscenza della lingua italiana ai
fini del rilascio del permesso CE per soggiornanti di lungo periodo
(carta di soggiorno);

- l'imposizione di un contributo da 80 a 200 euro per ogni
rilascio/rinnovo del permesso di soggiorno;

- il prolungamento del periodo di convivenza in Italia necessario per
l'acquisto della cittadinanza per matrimonio (nonche' - se leggo bene
la disposizione - il degrado di tale acquisto dal rango di diritto
soggettivo a quello di interesse legittimo).

Spero (contra spem in spem credidit...) che gli organismi della
Chiesa cattolica, con un mutamento di stile epocale, ricorrano
pubblicamente al turpiloquio di fronte alla prospettiva che al
clandestino possa essere precluso l'accesso alle cure, la
celebrazione del matrimonio, la registrazione della nascita di un
figlio e il suo riconoscimento.

Questo e' un attentato ai diritti delle persone, dei minori e della
famiglia. Altro che PACS...

Cordiali saluti
sergio briguglio
Posta un commento