Pagine

giovedì 6 settembre 2012

CI SARA' TEMPO E MODO...ANTONIO SOCCI E LA MORTE DEL CARDINALE MARTINI. L'OPINIONE DI RENATO SACCO

“Ci sarà tempo e modo …”


5 settembre 2012 - L’opinione di… Renato Sacco - www.mosaicodipace.it

Neanche nelle peggiori famiglie, quando muore qualcuno che non è proprio… come dire? ‘simpatico’ ci si accanisce contro così tanto. Almeno nei giorni della morte. Almeno nei giorni in cui la salma è ancora lì, presente. Perché c’è quel minimo di pudore che ancora guida i nostri comportamenti. Conosciamo tutti famiglie che vivono tensioni interne, anche molto pesanti; figli che non parlano con i genitori o viceversa. Ma quando arriva la morte, almeno si fa silenzio. Si tace. Davanti a un mistero grande, che ci invita a riflettere anche sulla nostra vita, non solo sulla vita di chi muore.
Probabilmente non la pensa così Antonio Socci, che su Libero del 2 settembre, mentre la salma del Vescovo è ancora esposta in Duomo pubblica un articolo feroce, e astioso. Pieno di livore nei confronti di una persona (non lo nomino per non mescolarlo in queste polemiche di bassa lega) che è stato per anni il suo Vescovo.
Non era forse il caso di rispettare i morti con un sano silenzio? Se non si vuole parlarne bene (ed è legittimo) non era meglio tacere? Invece, si leggono critiche pesanti contro la persona, non soltanto contro le sue idee. Fino ad arrivare quasi alla presunzione di sostituirsi a Colui che chiederà conto ad ognuno di noi di come abbiamo vissuto.
Pensavo fosse un compito del Padre Eterno. Invece il giornalista Socci, dimostrando profonda conoscenza di come funzionano le cose anche lassù… scrive: “Spero che il cardinale abbia conservato la fede fino alla fine. Le esaltazioni di Scalfari, Dario Fo, ‘Il Manifesto’, Cacciari, gli sono inutili davanti al Giudice dell’universo (se non saranno aggravanti)”.
Perché tanto livore? Perché tanta acredine? Perchè neanche davanti alla morte cercare un po’ di serenità? L’articolo di Socci sembra scritto quasi con spirito di vendetta, da consumarsi il più presto possibile.

Perché?

Quanta amarezza!

“Ci sarà tempo e modo di riflettere sulla sua figura e sulla sua lezione”, scrive sul sito di Pax Christi (www.paxchristi.it) mons Giovanni Giudici, per anni Vicario Generale a Milano e ora Vescovo di Pavia e Presidente Nazionale di Pax Christi. “In queste ore, basti il ricordo della sua attenzione alle ragioni alte della giustizia e della pace, come pure del tratto umano di rispetto per ogni persona… In certo modo l’essersi lasciato lui stesso plasmare dalla Parola di Dio mostra quale è la radice e lo sfondo della sua testimonianza”.
Sì, ci sarà tempo per riflettere, per rimettersi in cammino, per ritrovare serenità e speranza, guidati dalla Lampada che fa luce ai nostri passi.


d. Renato Sacco
Via alla Chiesa 20 - 28891 Cesara - Vb
0323-827120 *** 348-3035658
drenato@tin.it













Posta un commento