Pagine

martedì 19 agosto 2008

CONTRO TUTTE LE GUERRE, A PARTIRE DA QUELLA IN GEORGIA...


Beati i costruttori di pace
Associazione Nazionale di Volontariato - Onlus
Iscritta al Registro Regionale delle OO.VV. (L. Reg. Veneto n° 40/93)
con D.P.G.R. n° 46 del 12/2/98 (N° Classificazione PD0331)
Associata al Dipartimento di Pubblica Informazione delle Nazioni Unite



Insieme per la pace, contro la guerra nel Caucaso

Il Caucaso non ci è familiare. E’ successo con la Cecenia; sta accadendo con l’Ossezia del Sud e con la Georgia. Sul piano politico c’è un intrico difficile da dipanare e non sappiamo come andrà a finire.

Ma c’è la guerra.

Abbiamo appena ricordato il peggiore, ma non l’unico, olocausto di civili in un’azione di guerra: gli oltre 200.000 morti causati da due sole bombe, sganciate il 6 e il 9 agosto 1945 su Hiroshima e Nagasaki.

Sempre in un agosto distratto dal caldo e dalle vacanze, dobbiamo constatare che ancora una volta di mira vengono prese le città, bombardate, cannoneggiate, invase, con grande abbondanza di uccisi, feriti, sfollati e rifugiati. Lasciamo ad altri le analisi strategiche. Le potenze, grandi o piccole che siano, stanno dimostrando ancora una volta il loro disprezzo del diritto internazionale, la loro arroganza verso le istituzioni internazionali, che hanno il mandato di affrontare tutti i conflitti fra Stati al fine di “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”.

I tentativi da tutte le parti di affermare l’inefficacia dell’ONU, le recenti proposte tese a superare l’ONU con coalizioni allargate agli Stati consenzienti, perseguono solo la negazione del diritto internazionale, la pretesa di scriversi le regole da soli con la prepotenza.

A noi interessano il punto di vista e la storia dei colpiti, lo shock che segnerà per sempre la loro vita, le condizioni inumane in cui da subito sono costretti a vivere. Abbiamo sperato che la situazione si risolvesse con velocità, che alle parole corrispondessero i fatti e si rientrasse nell’ambito della legalità internazionale. Siamo invece agli irrigidimenti, ai dispetti, ai ricatti e a una complicazione assurda. Non possiamo continuare ad attendere.

Qualcuno ha chiesto dove sono i pacifisti. Chiediamo che nessuno deleghi la responsabilità della pace, obiettivo e impegno per tutti. Per questo invitiamo tutte le persone ad uscire insieme e porre in tutte le città dei segni che esprimano l’urgenza di far cessare le azioni militari nel Caucaso e la necessità di ripristinare la legalità internazionale.

A Padova saremo in piazza venerdì 22 agosto alle ore 19.

Beati i costruttori di pace


Padova, 19 agosto 2008
Posta un commento