Pagine

sabato 7 luglio 2012

NOTA SULLA DIAZ

La Corte di Cassazione ha confermato, poco fa, la sentenza di appello che aveva condannato, nel 2010, poliziotti e dirigenti di polizia ad altissimo livello per la "macelleria messicana" perpetrata nell'indimenticabile notte dell'estate 2001, alla conclusione del g8 di Genova e dei tragici fatti che avevano contrassegnato quei giorni.



Giorni che furono giudicati come il momento più grave di "sospensione della democrazia" mai avvenuta in Occidente.


Il reato più grave e più odioso è stato quello dell' aver fabbricato, da parte delle cosiddette "forze dell'ordine" prove false, tese a giustificare e provocare il massacro.


Nel frattempo alcuni fra i condannati di oggi sono andati avanti compiendo mirabolanti carriere.


E' necessaria una mobilitazione immediata da parte di tutte le forze effettivamente democratiche finalizzata al raggiungimento di due obiettivi:


1) L'allontanamento immediato dei condannati da qualsivoglia posto di responsabilità nell'apparato dello Stato;


2) La riapertura di una riflessione sul piano politico, in modo da recuperare davvero la memoria storica di quei giorni per rinnovare la ricerca di responsabilità in alti gradi della struttura dello Stato, addirittura nell'attuale formazione di governo e di copertura politica di tutte le azioni repressive portate avanti in quei giorni, da esponenti politici che, adesso, per ironia della sorte si collocano - addirittura - come alleati di un futuro ipotizzato schieramento di centro - sinistra. Ci riferiamo, tanto per essere chiari, alla presenza, in quel frangente, di deputati dell'ex-AN, fra i quali l'ex-segretario del partito (e del MSI, diretto erede dei repubblichini di Salò) Gianfanco Fini, all'interno del centro operativo dei carabinieri all'interno del forte di San Giuliano.


Fatti concreti che non debbono essere dimenticati e che non possono essere giustificati in alcun tempo e da alcuna ragione di opportunità politica.


Franco Astengo


Nota mia:
tutti i responsabili della 'macelleria messicana' dovrebbero chiarire la loro posizione. Non solo Fini ma anche Scajola, Maroni e Caselli, tanto per fare nomi.


Posta un commento