Pagine

mercoledì 8 dicembre 2010

Giovedì 9 dicembre 2010 entra in vigore il Decreto ministeriale 4 giugno 2010: 'Modalità di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, previsto dall'articolo 9 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, introdotto dall'articolo 1, comma 22, lettera i) della legge n. 94/2009'.



I cittadini stranieri che richiedono il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo dovranno quindi certificare la propria conoscenza della lingua italiana.- Chi deve sostenere il test?


- Lo straniero regolarmente soggiornante in Italia da almeno 5 anni, già titolare di un permesso di soggiorno in corso di validità e che abbia compiuto i 14 anni di età.


Il Governo ha definito:il LIVELLO richiesto;


le PROCEDURE ed il sistema delle competenze;


gli stranieri ESCLUSI da tale obbligo. Maggiori INFO sono disponibili qui:


www.provincia.bologna.it/sanitasociale/Engine/RAServePG.php/P/530111180700/M/252811180706


(questa pagina web contiene anche il Piano provinciale 2010 di italiano L2 e la La banca-dati on-line dei corsi di italiano L2 a Bologna e provincia)


Questa é la Newsletter gratuita dell'Osservatorio provinciale delle Immigrazioni di Bologna.


Ai sensi del Codice della privacy (Decreto Legislativo 196/2003), ti informiamo che l'hai ricevuta perché ti sei iscritto o sei stato incluso tramite le liste delle organizzazioni e persone in contatto con l'Osservatorio provinciale delle Immigrazioni di Bologna, dell'Ufficio Integrazione Interculturale delle Politiche del Comune di Bologna o dell'Ufficio Politiche dell'Immigrazione della Provincia di Bologna.


L'archivio degli indirizzi così raccolto non verrà utilizzato per scopi diversi da quelli istituzionali dell'Osservatorio


Numero di indirizzi e-mail attualmente inclusi nella mailing-list: 4.304.






Raffaele Lelleri, Osservatorio delle Immigrazioni - Provincia di Bologna, via A. Finelli 9/a, 40126 Bologna, Italy
tel 051-659.89.92
fax 051-659.86.20

raffaele.lelleri@provincia.bologna.it



Notizie.immigrazione@provincia.bologna.it


Nota mia:
1. perchè i leghisti non devono fare il test di italiano?
2. lo sanno o no che la percentuale di laureati è maggiore tra gli immigrati che tra gli indigeni?
3. d'accordo che solo la lingua rende uguali, come scriveva don Lorenzo Milani, ma questa è l'ennesima misura per porre ostacoli a chi di ostacoli ne incontra già abbastanza: tanto per fare un esempio, quando hanno ricevuto di finanziamento i Centri di educazioni agli adulti che gestivano i corsi di italiano ai lavoratori stranieri?
 
Una umile proposta: lanciamo una campagna di obiezione di coscienza contro questa ennesima misura iniqua per una scuola di tutti e di ciascuno,  per una società aperta e solidale!
Posta un commento