Pagine

martedì 8 giugno 2010

Pacedifesa

Foglio informativo del Centro Studi Difesa Civile

N°2/2010, Anno IX


Indice delle rubriche di questo numero

1. Notizie dal Csdc
2. Contributi teorici

3. Cosa succede in Italia

4. Interventi internazionali

5. Notizie da Nonviolent Peaceforce
6. Formarsi come operatori di pace

7. Lavorare come operatori di pace


1. Notizie dal Csdc

a. Assemblea 2010 del Csdc

L'assemblea annuale del Centro Studi Difesa Civile si terrà domenica 20 giugno dalle 10 alle 16 a Roma presso la sede di "Libera" (Pdf), in via IV Novembre 98 (vicino a piazza Venezia). Il pomeriggio prima, sabato 19 giugno, dalle 14.30 alle 19 nella stessa sede, avremo un workshop di "aggiornamento, formazione e programmazione". Il workshop è pensato sia per conoscere meglio le attività del CSDC, sia prenderne parte in modo diretto organizzando insieme i prossimi passi, dalla partecipazione a bandi a corsi di formazione, dalla partecipazione alle reti europee alle attività in Italia (è possibile anche pernottare presso la sede di "Libera" portando lenzuola o sacco a pelo).

E' un periodo di rinnovamento in cui il contributo di ognuno può essere molto importante!

Vi chiediamo gentilmente di confermare la vostra presenza all’indirizzo roma@pacedifesa.org.

Ricordiamo che è ancora possibile aderire al CSDC secondo una delle modalità indicate o direttamente all'assemblea.

b. Completato il corso di formazione "Santa Sofia 2010"

Si è tenuto dal 22 al 25 aprile il corso di formazione "Santa Sofia 2010", dedicato agli interventi civili di pace in aree di conflitto. Organizzato da Pax Christi Italia e da Bernardo Venturi per Centro Studi Difesa Civile, sostenuto e promosso dal Comune di Santa Sofia, dal Centro Residenziale Universitario di Bertinoro e dal Polo Scientifico Didattico di Forlì dell’Università di Bologna, il corso ha offerto ai partecipanti una introduzione generale sugli interventi civili, e su concetti-chiave quali la nonviolenza, il mantenimento civile della pace, la teoria del conflitto. Alle lezioni, tenute da Bernardo Venturi, ha partecipato come docente anche Jochen Schmidt, referente per le politiche comunitarie di pace del Forum ZFD tedesco, nonché coordinatore della Rete europea per i servizi civili di pace (En.cps).

c. Tavolo ICP

Prosegue la partecipazione del Csdc al Tavolo italiano per gli interventi civili di pace (Tavolo Icp). Bernardo Venturi ha presentato le attività più recenti del Centro Studi Difesa Civile nell’ambito della promozione e della ricerca su questi interventi, citando anche l’esempio di Np e della campagna a suo sostegno. Diversi partecipanti hanno mostrato interesse, tra cui il prof. Antonino Drago dell'Università di Pisa che ha inserito Np all'interno di una tesi sulla nonviolenza.

d. Grande adesione ai corsi nella scuole del Csdc con il Forum provinciale per la pace

Ha registrato notevole successo la proposta formativa del percorso "Gestire il conflitto con metodi nonviolenti" a cui il Csdc ha aderito anche questo anno nell’ambito del progetto "Percorsi di Pace", promosso dal Forum provinciale per la pace, i diritti umani e la solidarietà internazionale, e finanziato dalla Provincia di Roma. I corsi, tenuti nelle classi da Giordana Conti con la consulenza di Luisa Del Turco, si sono svolti presso l’Istituto di istruzione superiore "Leopoldo Pirelli" di Roma (8 ore), Istituto professionale di stato per l’industria e l’artigianato "Carlo Cattaneo" di Roma (12 ore) e il Liceo classico statale "James Joyce" di Ariccia (8 ore).

I corsi hanno riguardato principalmente: la definizione ragionata di conflitto, la distinzione fondamentale tra conflitto, guerra e violenza; il conflitto come "opportunità", superamento delle criticità (mediante il dialogo, l’empatia e la creatività) secondo lo schema del "triangolo di Galtung"; metodologie di risoluzione del conflitto, gestione del conflitto senza il ricorso alla violenza, da Ghandi (ahimsa e satyagraha) a Galtung (dialogo, empatia e trascendenza); organizzazione di alcune esperienze-gioco per riflettere ed imparare a ragionare "fuori dagli schemi", alla ricerca di soluzioni win-win.

e. Incontro con Gabriella Chiani presso l’Università di Padova

Come annunciato sui siti internet di Csdc e Np Italia, il 24 maggio si è tenuta a Padova una nuova iniziativa promossa dal Csdc per sostenere, promuovere e divulgare il lavoro internazionale svolto da Nonviolent Peaceforce. Organizzato in collaborazione con il Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli dell’Università di Padova, e realizzato presso la Biblioteca "Piergiorgio Cancellieri", l’evento ha visto la partecipazione di Gabriella Chiani, di ritorno dalla missione NP in Sri Lanka, e di Luisa Del Turco per il Csdc.

Gabriella ha condiviso con gli studenti sua preziosa esperienza di operatrice di pace e le sue riflessioni stimolando un vivace dibattito su aspetti cruciali dell’azione internazionale in zone di conflitto e post-conflitto, quali principi e sostenibilità.

La registrazione vocale dell’incontro e una video intervista saranno resi disponibili sul canale multimediale del Centro Diritti Umani (raggiungibile dal sito http://unipd-centrodirittiumani.it/)

f. Anche per il 2010 iscrivendoti al Csdc sostieni l’azione sul campo di Nonviolent Peaceforce

Proseguono le iscrizioni 2010 al Centro Studi Difesa Civile. Se apprezzi l’attività svolta dal Csdc e desideri che continui a operare e a curare la presente newsletter, sostienici iscrivendoti all’Associazione per il 2010 (30€ soci ordinari, 50€ soci attivi e 100€ soci sostenitori), oppure facendo una donazione (deducibile dalla Dichiarazione dei Redditi).

In più, sostieni direttamente il lavoro per la pace sul campo: per ogni tessera sarà donato un euro a Nonviolent Peaceforce, come già avvenuto negli ultimi due anni.

Puoi fare il versamento per l’iscrizione o per la donazione sul conto intestato al Centro Studi Difesa Civile presso Banca Popolare Etica, IBAN: IT34 A05018 03200 00000107165, oppure sul conto corrente postale n. 12182317 intestato a Banca Etica Roma, specificando nella causale "iscrizione al CSDC c/c 107165" oppure "donazione al CSDC c/c 107165".

2. Contributi teorici

a. Approvata la prima versione del documento "Verso un Servizio civile europeo di pace"

Il recente incontro annuale della Rete europea per i servizi civili di pace (En.cps), che ha visto un rinnovato impegno da parte dei membri della Rete per l’avanzamento della sua missione, ha ottenuto l’approvazione da parte dei delegati delle organizzazioni facenti parte della Rete del documento "Verso un Servizio civile europeo di pace", redatto da Jochen Schmidt (Forum ZFD/En.cps) e da Alessandro Rossi (Np) come base di lavoro per la campagna ProNTI.

Il testo è stato ratificato dall’assemblea, che invita le organizzazioni a diffonderlo, a usarlo come strumento per i propri lavori di ricerca, studio e di advocacy, fermo restando che si tratta ancora di una bozza (working paper) che farà da base per il dibattito dei prossimi mesi. Il Csdc provvederà a diffonderlo tra iscritti e simpatizzanti tramite il proprio sito internet.

3. Cosa succede in Italia

a. ICP Web - Il social network degli Interventi Civili di Pace

Segnaliamo questa piattaforma, per chi ha partecipato alle giornate di formazione del progetto ICP o si interessa comunque a questo tema, utile per fare rete, condividere documenti e discussioni tematiche. ICPweb è una piattaforma internet di social network per la comunicazione interattiva tra gli studiosi, i partecipanti alle quattro giornate alta formazione, gli studenti formati durante le attività nelle classi e tutti coloro che si adoperano, attraverso le diverse metodologie nonviolente , per il cambiamento, la costruzione della pace, la promozione dei diritti, ed il ruolo attivo dei civili in scenari di conflitto, in Italia e all'estero.

http://icpweb.ning.com/

4. Interventi internazionali

a. Si è svolto lo Europe Day a Lione

Tra il 6 e il 10 maggio 2010 circa 100 rappresentanti di Ong e organizzazioni della società civile, tra cui il Csdc, e cittadini impegnati di tutta Europa si sono riuniti a Lione, in Francia, per svolgere l’incontro annuale di Nonviolent Peaceforce (sezione europea) e dell’European Network for Civil Peace Services (EN.CPS), ospiti del Mouvement pour une Alternative Nonviolente (MAN) e del Comité d'Intervention Civil de Paix (Comité ICP). Hanno partecipato, in rappresentanza del Csdc, sia Bernardo Venturi che Matteo Landricina. Si tratta di un momento fondamentale nella vita di una organizzazione così internazionale e ramificata, che permette di incontrare personalmente sia i coordinatori regionali e centrali dell’organizzazione, sia i rappresentanti delle altre organizzazioni-membro europee, per coordinarsi sul lavoro dell’anno a venire, scambiarsi materiali ed informazioni, studiare possibilità di progetti comuni e valutare criticamente il lavoro fatto, oltre che per consolidare le relazioni interpersonali e tra organizzazioni.

Ha partecipato ai lavori anche Tim Wallis, il nuovo Direttore Esecutivo di Np, che ha fatto il punto sugli obiettivi raggiunti e sulle sfide presenti dell’organizzazione, ed è stato anche possibile incontrare e scambiarsi con una peacekeeper svedese di Np, già impegnata nella missione in Sri Lanka e attualmente nella missione Ue di monitoraggio in Georgia. Per quanto riguarda En.cps, si è provveduto a rinnovare le cariche del direttivo e dei gruppi di lavoro di Eplo (in cui partecipano anche Bernardo Venturi e Luisa del Turco) e si è raggiunto un consenso sulla Dichiarazione di missione della rete stessa.

Per maggiori informazioni consultare il sito www.en-cps.org e www.nonviolentpeaceforce.it

b. Incontro di Eplo a Bruxelles del gruppo di lavoro Donne, Pace e Sicurezza

Il 22-23 aprile si è svolto a Bruxelles un seminario di formazione dal titolo "European Civil Society Advocacy on Women, Peace and Security". L’evento è stato organizzato da Eplo – Ufficio di collegamento europeo per la costruzione della pace - al quale il Csdc partecipa attraverso la Rete En.cps – con l’obiettivo di sostenere e sviluppare l’impegno delle organizzazioni della società civile nell’advocacy in materia di Donne Pace e Sicurezza.

Circa una ventina di donne e uomini partecipanti hanno confrontato pratiche di successo e strategie, e aggiornato le competenze sulle politiche di genere nel settore pace e sicurezza a livello nazionale e europeo. Al seminario ha partecipato Luisa Del Turco, che dal 2006 segue per il Csdc le attività del gruppo di lavoro Genere, Pace e Sicurezza (Eplo Gps), che in concomitanza con l’evento ha svolto una riunione di programmazione per il prossimo biennio e messo a punto il calendario delle celebrazioni del decimo anniversario dell’adozione della Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu 1325, pietra miliare delle politiche in materia.

c. Notizie dalla Rete Colombia Vive!

Come ogni anno, la Rete Italiana di solidarietà Colombia Vive! organizza la visita della Delegazione internazionale in Colombia con il proposito di rafforzare l'accompagnamento delle Comunità indigene, contadine e afrodiscendenti che fanno resistenza civile nonviolenta alla guerra. La Rete inoltre appoggia il lavoro delle organizzazioni civili impegnate nella costruzione di alternative di vita e nella difesa dei diritti umani e rivendica con esse il diritto delle vittime alla verità, giustizia e riparazione.

Per chi desidera partecipare in prima persona, accompagnando chi cerca la pace in Colombia, può visitare il sito web http://www.reteitaliana-colombiavive.org/delegazioni.htm

o scrivere al seguente indirizzo:

reteitalianadisolidarieta@gmail.com – oggetto: delegazione 2010.

Entro e non oltre il 14 giugno 2010.

5. Notizie da Nonviolent Peaceforce

a. Siglato accordo di cooperazione tra Np e Unitar

Il 13 aprile scorso Nonviolent Peaceforce e UNITAR (United Nations Institute for Training and Research) hanno sottoscritto un memorandum di intesa, valido per 5 anni, in cui le due organizzazioni esprimono la volontà di cooperare nell’ambito della formazione e della ricerca sul mantenimento civile della pace, partendo da un corso di formazione online. Unitar è un istituto autonomo delle Nazioni Unite e offre ogni anno corsi e attività di formazione a oltre 70mila persone.

b. Notizie dalle missioni sul campo

Sri Lanka: negli ultimi mesi la situazione in Sri Lanka è stata dominata dalle prime elezioni, presidenziali e parlamentari, seguite alla fine del conflitto tra il governo e i ribelli delle Tigri Tamil. Le elezioni presidenziali si sono svolte l’8 di aprile e hanno visto una larga vittoria del partito del presidente uscente, Mahinda Rajapaksa. L’attività della missione di Np si è nella fattispecie concentrata su quattro aspetti in questa fase:

Ÿ miglioramento della sicurezza e dell’incolumità degli osservatori elettorali locali, nonché delle comunità più a rischio

Ÿ rafforzamento della sicurezza di bambini coinvolti nel conflitto ("bambini-soldato")

Ÿ attività di formazione e capacity-building per individui e organizzazioni locali, al fine di rafforzarne le facoltà di mantenimento civile non-armato della pace a livello comunitario

Ÿ Miglioramento della sicurezza e dell’incolumità degli Human Rights Defenders locali (HRDs), difensori dei diritti umani

Per approfondimenti, visitare la pagina di informazione della missione.

Filippine: il Country Director della missione Np nelle Filippine, Atif Hameed, è stato uno dei relatori al Congresso mondiale dei filantropi musulmani, svoltosi il 20 e il 21 marzo a Doha nel Qatar. Hameed ha sottolineato il valore delle attività di mantenimento civile della pace anche nell’ottica di una generale politica umanitaria e di cooperazione allo sviluppo.

La missione Np nelle Filippine ha acquisito una importanza ancora più cruciale da quando è stata invitata ufficialmente a far parte del gruppo internazionale di monitoraggio dell’accordo di cessate-il-fuoco sottoscritto tra il governo e i ribelli del Milf. La missione di Np nelle Filippine ha da poco istituito un bollettino periodico di notizie da campo, il cui primo numero si può scaricare in pdf a questo indirizzo.

Sudan: La nuova missione di mantenimento civile della pace di Np nel Sudan meridionale, coordinata da Angela Pinchero (Canada) Fatima Swartz (Sudafrica) e Butera Muhamed (Ruanda), ha ottenuto un finanziamento dal Ministero per gli Affari Esteri del Belgio e ha potuto così iniziare ufficialmente la sua attività di stabilizzazione in vista dell’anno elettorale a partire dal primo di maggio.

Nuove missioni: la prima parte della missione esplorativa di Np nel Caucaso meridionale, per verificare le possibilità di una missione di monitoraggio e stabilizzazione, è stata completata. Il coordinatore di Np Europa, Alessandro Rossi, ha guidato la squadra che ha condotto l'esplorazione ed ha inoltrato poi agli organi decisionali di Np alcune proposte per utilizzare anche in quella regione il peacekeeping civile disarmato. Sono inoltre in corso verifiche per la possibilità di una missione di peacekeeping in Honduras, America Centrale, dove Np è stata invitata dagli Human Rights Defenders locali dopo il colpo di stato dell’anno scorso.

d. È ora possibile donare on-line dal sito italiano di Np

Ricordiamo che dal sito italiano di Np è ora possibile donare per i progetti sul campo di Np anche con carta di credito e di debito attraverso il sistema PayPal che garantisce transizioni sicure. Se vuoi la pace, aiuta la pace!

e. Usa il motore di ricerca e sostieni Np

Attraverso le ricerche quotidiane sul web è possibile sostenere Np in modo totalmente gratuito. "Goodsearch.com", infatti, dona il 50% dei suoi profitti alla Ong registrata che preferite. Provalo subito!

6. Formarsi come operatori di pace

a. Summer Academy 2010: Political Means for Non-Violent Conflict Transformation

Segnaliamo questa oppurtunità di formazione offerta dall’Istituto per la Trasformazione dei Conflitti e la Costruzione della Pace (ICP), ong svizzera con sede a Berna. Si tratta della terza edizione di questa Summer Academy, e si svolgerà dall’11 al 15 luglio. Il titolo del corso di formazione è "Mezzi politici per una trasformazione nonviolenta dei conflitti". Per informazioni sull’istituto e sulla Summer Academy visitare il sito:

http://www.iicp.ch/en/

b. Numerosi corsi di formazione di ACT e Patrir

Molto ricca, come da tradizione, l’offerta di corsi di formazione dell’Accademia per laTrasformazione dei Conflitti (ACTPatrir, in Romania. La maggior parte dei corsi si terranno in ottobre, ma è bene iscriversi per tempo. Scoprili!

7. Lavorare come operatori di pace

a.Nonviolent Peaceforce cerca due persone per ruoli di responsabilità nelle Filippine

La missione Np Filippine (Mindanao) ha aperto due posizioni, rispettiivamente per il ruolo di vice Country Director e Manager per Risorse Umane. Per scaricare i bandi completi, e vedere le ulteriori possibilità di lavorare con Np, visita il sito internet.

b. Proseguono le selezioni di nuovi peacekeeper civili per Nonviolent Peaceforce

Per informazioni sulle procedure di selezione e i requisiti per fare il peacekeeper civile, segui il link!

c. Posizioni aperte al Programma delle NU per lo Sviluppo (Undp) e all’Ocse

Segnaliamo diverse posizioni aperte di carattere internazionale all’Undp, tra cui quella di Policy Analyst (Human Rights And Access To Justice), a livello P2, in Senegal, e quello di Peace And Development Specialist, a livello P4, per il Nepal. Per informazioni visitare il sito http://jobs.undp.org/index.cfm

Interessante posizione, di alto profilo, anche quella aperta presso l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) di Policy Analyst on Peace and Security, a livello A2/A3, alla sede centrale di Parigi. Il bando completo si può vedere qui.

d. Assistenti di programma al Qcea

Il Consiglio Quacchero per gli Affari Europei (Qcea) cerca candidati/e per lavorare un anno nei suoi uffici di Bruxelles come Programme Assistant. Si tratta di una buona occasione di fare esperienza a livello internazionale, le spese di alloggio e di mantenimento vengono coperte dall’organizzazione. Guarda l’annuncio qui. Scadenza: 11.06 .

e. Consulenti di programma in Svezia

Il Life and Peace Institute di Uppsala cerca due persone per lavorare come Programme Advisor. Maggiori informazioni qui. Scadenza 15.06 .

f. Programma Fellowship e United Nations Volunteers Internship sponsorizzato dal governo italiano

È aperta la raccolta di candidature per i Programmi Fellowship e UNV Internship delle Nazioni Unite per giovani laureati/e che aspirano a una carriera nelle organizzazioni internazionali . Il bando, che è annuale, scade il 30 di luglio. Per informazioni visitare il sito di Undesa.


CENTRO STUDI DIFESA CIVILE

Sito web: www.pacedifesa.org

Cod. Fisc. 97062390584 - Sede legale:

Via della Cellulosa, 112 - 00166 Roma;

roma@pacedifesa.org

Posta un commento