Pagine

martedì 26 giugno 2007

Nessuno è straniero: l'attività del Centro Libromondo di Savona

Premessa

Da tempo è attivo a Savona il Centro di documentazione “LIBROMONDO”, dedicato alla Pace, all’Ambiente, all’Intercultura e alla Cooperazione internazionale. Davide è l’animatore del Centro; a lui ho posto alcune domande su come funziona il Centro. Franco Falco (che non è parente di chi scrive) è stato responsabile savonese dell’AIFO e ideatore del Centro.

1. Cos’è Libromondo e qual è il tuo ruolo in questa struttura?
"LIBROMONDO" è un CENTRO DI DOCUMENTAZIONE su Pace, Ambiente, Intercultura e Cooperazione Internazionale, nato nel 2006 in convenzione e collaborazione tra AIFO – Gruppo di Savona – e la Provincia di Savona.
"LIBROMONDO" si propone come un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono approfondire la propria conoscenza su argomenti quali l’educazione alla mondialità e alla differenza tra i popoli, i rapporti Nord/Sud, la pace, la cooperazione internazionale, cooperazione sanitaria e medicina tradizionale, l’economia alternativa, l’ecologia, i diritti umani e la conoscenza etnologica dei popoli.
"LIBROMONDO" si trova al Campus Universitario di Savona, ma il Centro esisteva già da diversi anni a Savona. L’idea di creare un centro di documentazione era nata da un desiderio di Franco Falco, il responsabile savonese dell’AIFO, che per anni ha lavorato per portare avanti i principi dell’AIFO legati alla pace, alla solidarietà, allo sviluppo umano. Falco credeva fermamente che, tramite una buona informazione-formazione, si potesse apportare un vero cambiamento nel mondo. Il Centro di Documentazione dispone di oltre duemila testi, un’emeroteca con le più note riviste legate ai problemi del Sud del Mondo e una videoteca con supporti audiovisivi.
Il Centro è coordinato da Anna Maria Bertino, Maria Assunta Lanfaloni si occupa dei progetti scolastici, Cristiana Cometto e Sergio Filetti lavorano alla catalogazione dei libri e del materiale audio-video; sono tutti volontari dell’Aifo - Gruppo di Savona. Con noi collaborano altre persone che fanno parte di associazione savonesi che sono interessati alle nostre tematiche, come Piero Pentenero dell’ANOLF e Ugo Tombesi di “Cittadinanza Attiva”. Oltre a loro molti studenti delle scuole superiori, insegnati e cittadini interessati lavorano con noi soprattutto inviandoci recensioni per la nostra newsletter.
Davide Delbono, si occupo della stesura della newsetter mensile che inviamo ad oltre 1.000 contatti tra privati, enti pubblici, ONG, Associazioni del territorio savonese e nazionale, case editrici e redazioni di riviste. Inoltre mi occupo delle attività di coordinamento tra l’amministrazione provinciale e il Centro.

1. Chi è sinteticamente Davide Delbono?
Delbono Davide, savonese, nel 2004 consegue il titolo di Dottore Magistrale in Scienze Internazionali e Diplomatiche, presso l’Università degli Studi di Genova, con una tesi dal titolo: “Politica coloniale, diritti dei popoli e cooperazione internazionale nell’opera di Edmund Dene Morel (1873 - 1924)”. Nel 2005 consegue il master in “Gestione dei conflitti interculturali e interreligiosi”, istituito dall’Università di Pisa e dalla fondazione I.E.RA.M.G. di Livorno, e partecipa al corso di specializzazione in “Cooperazione allo sviluppo”, istituito dalla Camera di Commercio Italo-Belga di Bruxelles e dalla Regione Liguria (sede di Bruxelles). In questi anni si è dedicato all’attività giornalistica, con particolare attenzione alla storia delle istituzioni africane e al dialogo interreligioso e interculturale, scrivendo articoli per il sito web “Equilibri.net” e per il mensile savonese “Il Letimbro”. Dal 2005 collabora con l’Ufficio Cooperazione Internazionale della Provincia di Savona. Nel 2006 vince il concorso per il dottorato di ricerca in “Istituzioni, idee, movimenti politici nell’Europa contemporanea. Curriculum Costituzioni e Amministrazioni” all’Università degli Studi di Pavia, per il quale attualmente sta conducendo una ricerca dal titolo ““Le istituzioni e le amministrazioni dell’ex Congo belga e dell’ex Congo francese nel primo decennio di indipendenza”.

2. Come funziona Libromondo?
“LIBROMONDO" è in particolare rivolto agli studenti di ogni ordine e grado che vogliono condurre ricerche su argomenti legati alla cooperazione internazionale e all’educazione alla mondialità.
"LIBROMONDO", ha aderito al Catalogo delle Biblioteche Liguri, è un servizio aperto al pubblico dove si possono consultare e prendere a prestito libri e il materiale messo a disposizione gratuitamente per un periodo di 15 giorni rinnovabile telefonicamente previa iscrizione al Centro di Documentazione. Le riviste, le dispense, i fascicoli e i libri di particolare valore potranno solo essere consultati in loco. Altresì sarà possibile chiedere al Centro l’acquisto di un libro con apposita scheda. Il Centro si riserverà di valutare l’acquisto in base al prezzo del libro, dell’argomento trattato e dell’interesse per il Centro stesso. Le ricerche richieste verranno svolte a cura del Centro che fornirà una copia della bibliografia trovata con rimborso spese. "LIBROMONDO" concederà anche il prestito alle biblioteche del territorio nazionale che ne faranno richiesta per un periodo di 15 giorni dal ricevimento del libro stesso e con richiesta di rimborso delle spese di spedizione. Chi volesse inviarci recensioni inerenti alle pubblicazioni di nostro interesse può farlo anche a distanza contattandoci via mail o telefonandoci.

3. Puoi quantificare i visitatori annui?
Quest’anno hanno frequentato “LIBROMONDO” circa duecento persone.

4. Libromondo collabora con studenti universitari nell’elaborazione di tesi, con Associazioni che si occupano di intercultura e di stranieri?
Nell’ultimo anno sono venuti cinque studenti universitari per fare ricerche di tesi. Le aree di studio di provenienza sono scienze politiche, giurisprudenza, scienze della formazione, scienze della comunicazione e storia. La Bottega Kikoa di Alberga, Africa e Mediterraneo, ISFORCOOP e l’Associazione Ecuadoriani di Savona hanno collaborato con noi per alcune iniziative.

5. Chi frequenta il Centro? Vi sono stranieri fra i visitatori
Il centro è frequentato da studenti di ogni ordine e grado, insegnanti, membri di associazioni, e persone interessate. Hanno frequentato il nostro Centro anche cittadini stranieri che vivono e lavorano sul nostro territorio, tra i quali gli studenti di un master per mediatore culturale e i membri dell’Associazione Ecuadoriani di Savona.

6. Quali attività promuove?
“LIBROMONDO” promuove corsi di aggiornamento per insegnanti, conferenze pubbliche, mostre didascalico-fotografiche e collabora con le scuole per l’elaborazione di progetti interculturali. I volontari del Centro propongono attività rivolte in particolare a studenti, insegnanti ed educatori di tutta la Regione e a chiunque sia interessato ad approfondire la propria conoscenza sui problemi sin qui specificati.

7. Come comunica con l’esterno (ha una newsletter, un sito internet, un blog)?
Ogni mese redigiamo una newsletter che contiene le recensioni delle pubblicazioni dei settori di nostro interesse. Diverse case editrici ci inviano libri per la recensione e per mettere a disposizione per il prestito.
Inoltre abbiamo una pagina web nel sito della Provincia di Savona:
http://www.provincia.savona.it/attivita/cooperazione/libromondo.htm
da dove si possono scaricare anche le newsletter dal primo numero all’ultimo.

8. Con quali istituzioni collabora?
“LIBROMONDO” collabora perlopiù con la Provincia di Savona

9. Come si può raggiungere e dove si trova?
"LIBROMONDO" si trova al piano terra della Palazzina Branca del Campus Universitario di via Cadorna a Legino, 17100 Savona.
Il Centro è aperto al pubblico nei giorni di lunedì e mercoledì dalle 17 alle 19, martedì e giovedì dalle 9,30 alle 11,30.
Nell’orario suddetto è possibile contattare i volontari al numero di telefono: 019 263087.
Per contattare “LIBROMONDO” via e-mail, scrivere a: libromondo@aifo01.191.it
Posta un commento